Tutela delle attività professionali: un primo importante passo nell’attesa di una disciplina organica

Comunicato stampa gruppi consiliari UV, UVP, ALPE, SA, GM

«Oggi si riconosce dignità di impresa alle libere professioni, quale soggetto che concorre allo sviluppo economico meritevole di sostegno economico.» I gruppi consiliari Union Valdôtaine, Union Valdôtaine Progressiste, ALPE, Stella Alpina e Gruppo Misto commentano così l’emendamento alla legge regionale di stabilità volto alla tutela delle attività professionali nei rapporti con la pubblica amministrazione approvato oggi, mercoledì 19 dicembre 2018, dal Consiglio regionale.

«Una iniziativa importante per un settore economico in difficoltà – sostengono i Consiglieri dei gruppi di maggioranza -, che di fatto recepisce quanto previsto dalla legge di stabilità dello Stato che ha riconosciuto alle libere professioni l’equiparazione all’impresa e la possibilità di accedere ai piani operativi del Fondo sociale europeo e ai Fondi europei per lo sviluppo regionale. Fino ad oggi, quindi, le libere professioni non hanno mai avuto accesso a nessun sostegno regionale: con questa norma si compie un primo, importante passo, concedendo l’accessibilità alle libere professioni ai benefici della legge regionale n. 6/2003 con particolare riguardo ai sostegni per gli investimenti, per l’internazionalizzazione e per formare consorzi e reti d’imprese.»

«Un primo intervento – proseguono i Consiglieri – per segnalare l’attenzione del Consiglio regionale per il mondo delle professioni, che necessiterà, nell’ambito di una disciplina più organica e complessiva che è in corso di predisposizione nell’ambito dei lavori della terza Commissione consiliare.»