Sport tradizionali: Approvati i contributi a favore delle associazioni sportive praticanti e della Federaxon esport de nohtra tera

È stato approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell’Assessore al Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, Laurent Viérin, il piano di riparto provvisorio dei contributi forfettari a favore delle Associazioni sportive praticanti gli sport tradizionali regionali e della Federaxon esport de nohtra tera, destinati al sostegno dell’attività sportiva per l’anno 2019. L’ammontare complessivo è di 95 mila euro. Si tratta di un intervento che permette di sostenere l’attività svolta dalla Federaxon esport de nohtra tera e dalle sue varie Associazioni – dichiara l’Assessore Laurent Viérin - con l’obiettivo di valorizzare e salvaguardare l’identità culturale delle tradizioni sportive popolari della nostra regione, uniche e simbolo del nostro popolo, che negli anni hanno saputo crescere e consolidarsi così da costituire un punto di riferimento per i nostri giovani, inserendosi anche nel panorama nazionale degli sport tradizionali. Tradizioni, quindi, da salvaguardare e valorizzare e che si mantengono grazie alla passione e alla dedizione delle tante persone che ancora le praticano e le veicolano alle giovani generazioni.

Strumentalizzata politicamente l’assenza dell’Assessore Viérin in Commissione

Comunicato stampa congiunto Stella Alpina, Union Valdôtaine, Alliance Valdôtaine «Pura strumentalizzazione politica.» È quanto replicano i Commissari di maggioranza della seconda Commissione consiliare, Pierluigi Marquis (SA), Giovanni Barocco e Luca Bianchi (UV), Jean-Claude Daudry (AV), ai gruppi di minoranza che hanno lamentato l'assenza dell'Assessore Laurent Viérin alla riunione di oggi, venerdì 12 aprile 2019. «Quando abbiamo programmato le audizioni - spiegano i Commissari di maggioranza - era già stata preannunciata la possibile assenza dell'Assessore Viérin per impegni istituzionali fuori Valle, ma era stata confermata la presenza dei dirigenti dell'Assessorato.» «In quell'occasione - aggiungono - nessuno aveva sollevato problemi, in quanto la presenza dei dirigenti avrebbe assicurato un approfondimento tecnico sui provvedimenti, demandando all'Aula la discussione politica.» «Spiace che si faccia speculazione su questo - concludono Marquis, Barocco, Bianchi e Daudry - e si perdano di vista i contenuti di un provvedimento che è, invece, tutto rivolto alla ripresa dell'economia valdostana.»

Agevolazioni tariffarie sui mezzi di trasporto per studenti universitari valdostani

Da aprile: domande on-line, diminuzione dei tempi per rimborsi e introduzione dei trasferimenti in aereo Venerdì 29 marzo, la Giunta regionale, su proposta dell’Assessore agli Affari europei, Politiche del lavoro, Inclusione sociale e Trasporti di concerto con l’Assessora all’Istruzione, Università, Ricerca e Politiche giovanili, ha approvato alcune modifiche ai criteri e alle modalità per l’applicazione delle agevolazioni tariffarie sui mezzi di trasporto a favore degli studenti universitari residenti in Valle d’Aosta. Dal 1° aprile la domanda di ottenimento delle agevolazioni tariffarie potrà essere inoltrata completamente on-line senza recarsi personalmente negli uffici del Dipartimento trasporti, ottemperando anche all’assolvimento dell’imposta di bollo in modo virtuale. I tempi di rimborso dei biglietti acquistati ancora in formato cartaceo passa da quadrimestrale a trimestrale consentendo pagamenti più rapidi. Viste le esigenze di spostamento degli studenti valdostani in diversi paesi europei, dove a volte il viaggio risulta più conveniente in aereo, è stato introdotto il rimborso anche su questo mezzo di trasporto. L' importo massimo ammissibile è in linea con i parametri definiti per gli altri mezzi.

EUSALP – Nuove opportunità per la Macro Regione alpina: strategie e agenda montagna UE per i territori alpini

Luigi Bertschy, Assessore agli Affari europei, politiche del lavoro, inclusione sociale e trasporti è intervenuto, il 28 febbraio a Milano, all’evento di lancio della Presidenza italiana di EUSALP, appuntamento di particolare importanza poiché rappresenta il passaggio formale dalla Presidenza tirolese dell’anno 2018 a quella italiana del 2019. EUSALP è una strategia bottom up fortemente voluta dalle Regioni per coordinare più efficacemente, a livello territoriale, parte delle loro politiche e affrontare insieme le numerose sfide che si presentano. La strategia alpina punta a promuovere una gestione sostenibile dell’energia e delle risorse naturali e culturali e ad aumentare lo sviluppo del territorio, favorendo una mobilità sostenibile, una rafforzata cooperazione tra i Paesi partecipanti, nonché lo sviluppo di servizi ed infrastrutture di comunicazione. Lo sviluppo della competitività, con una particolare attenzione all’imprenditoria giovanile, e la promozione della creazione di nuove opportunità di lavoro, soprattutto nei settori della green economy e delle nuove tecnologie fanno parte dei temi concreti, a livello macroregionale, del programma di presidenza italiana di EUSALP. L’Italia intende, inoltre, affrontare tematiche ambientali, idee e tecnologie innovative per conciliare sviluppo economico e salvaguardia del patrimonio naturale, e tematiche macroregionali, quali la riduzione del gap tra le aree urbane, più forti e sviluppate, e le aree rurali, più deboli e marginalizzate. “Rappresento una piccola Regione di montagna – ha sottolineato Bertschy nel suo intervento – che nell’ambito di EUSALP ha assunto la leadership del gruppo di azione 5, incentrato sull’accessibilità alle infrastrutture digitali e ai servizi di base EUSALP, che promuove gli smart villages quali modalità innovative di erogazione dei servizi di interesse generale e di sviluppo dei villaggi alpini, tramite l’attuazione di nuovi modelli organizzativi supportati dalle tecnologie digitali, permettendoci di creare quelle opportunità che sono indispensabili per creare equità sociale e sviluppo, e per far crescere i nostri territori. Le Alpi, da un lato, sono caratterizzate da una grande ricchezza di paesaggi naturali e di beni culturali, ma dall’altro lato continuano a soffrire di una marginalizzazione socioeconomica che, in determinati ambiti, ne impedisce lo sviluppo. La Valle d’Aosta presenta dei deficit infrastrutturali nell’ambito dei traporti, dovuti principalmente alla sua localizzazione geografica e alla sua conformazione morfologica. A questo proposito, considerata la strategicità del settore dei trasporti e dell’accessibilità, la Valle d’Aosta spera di poter trovare in EUSALP un’alleanza forte per costruire politiche strategiche per lo sviluppo della mobilità, in particolare nell’ambito del trasporto ferroviario a beneficio delle popolazioni montane”. Bertschy ha infine ricordato i due eventi che saranno organizzati in Valle d’Aosta in questo anno di Presidenza italiana di EUSALP. Il primo, che è patrocinato dall’Istituto europeo degli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa si terrà al Forte di Bard i prossimi 2 e 3 aprile e rappresenterà l’occasione per promuovere nuovi itinerari culturali legati a EUSALP. Il secondo, che si terrà a Courmayeur i prossimi 23 e 24 maggio, avrà come focus principale la tematica degli smart villages, quali modalità innovative di erogazione dei servizi di interesse generale e di sviluppo dei villaggi alpini, tramite l’attuazione di nuovi modelli di organizzazione dei servizi.

Legge elettorale: approvato nuovo testo. Limite mandati, preferenza unica e confermato spoglio centralizzato

Nella seduta del 19 febbraio 2019, con 33 voti a favore e un voto contrario (ADU-VdA), il Consiglio Valle ha approvato un testo di legge in materia di elezioni del Consiglio regionale. Il provvedimento è stato predisposto dalla prima Commissione "Istituzioni e Autonomia" Il testo, oltre a introdurre la preferenza unica, rende definitivo lo scrutinio centralizzato dei voti, istituendo complessivamente otto poli, di cui uno nel Comune di Aosta e uno in ognuna delle Unités des Communes valdôtaines, fatta eccezione per le Unités Mont-Rose e Walser che costituiscono un unico polo. Riguardo alla rappresentanza di genere, la percentuale in ogni lista di candidati sale dal 30 al 35 per cento. Per quanto concerne le liste dei candidati, queste devono comprendere ciascuna un numero di candidati non inferiore a 21 (prima era 18) e non superiore a 35; le firme necessarie per la loro presentazione devono essere non meno di 900 (prima era mille) e non più di 1400 (prima era 1500). Infine, viene dato mandato alla Giunta regionale di valutare la percorribilità del voto e dello scrutinio elettronico. È stato inoltre istituito il limite di tre mandati consecutivi.  Per il Capogruppo di UVP, Jean-Claude Daudry, «questo testo non può essere banalizzato né sminuito, perché tratta di questioni che il mondo autonomista segue da anni in quest'Aula. Con questa proposta si dà forza allo spoglio centralizzato, così come si irrobustiscono tre principi fondamentali: l'universalità del voto - ogni cittadino deve sempre avere la possibilità di recarsi alle urne con il minor sforzo possibile -; il principio della segretezza - grazie all'introduzione della preferenza unica e dello spoglio centralizzato, tenendo comunque sempre conto del territorio della nostra regione che ha realtà diffuse; il principio dell'integralità - il voto deve essere verificabile. Anche con l'introduzione del voto elettronico, che è al vaglio con questa proposta di legge, si dovranno garantire quei principi del voto che approviamo oggi con questo testo.»  

Skyway, il 5% del fatturato sarà investito in attività di immagine e promozione

L'Assessore ai trasporti, Luigi Bertschy, nella seduta consiliare del 5 febbraio, ha esposto le azioni di marketing che saranno messe in atto per le prossime stagioni estiva e invernale da parte di Skyway Monte Bianco. "Per quanto riguarda le azioni di marketing, per la prima volta, insieme al piano strategico, è stato redatto un piano di marketing che prevede un investimento del 5% del fatturato in attività di immagine e promozione. Sono previsti vari eventi, tra i quali il giro d’Italia, che per la prima volta prende il nome di una funivia, un allineamento comunicativo quali il sito, pagine social, comunicazione interna, e una attività di webmarketing nonché la definizione di accordi commerciali". 

Promozione Fontina: Viérin, importante tutela marchio e prezzo prodotto

"Un Comitato di indirizzo, a regia regionale, che possa monitorare e sviluppare in forma coordinata tutte le azioni per il sostegno, promozione e valorizzazione del prodotto della Fontina Dop". E' l'obiettivo annunciato dall'Assessore regionale all'agricoltura, Laurent Viérin, durante i lavori consiliari di mercoledì 6 febbraio, rispondendo ad un'interpellanza sulla tutela e la strategia promozionale della Fontina Dop. "Questo è un dossier comune che ha necessità oggi di essere tutelato, promosso e rilanciato in modo coordinato tra il Consorzio produttori e Tutela della D.O.P. Fontina  la Cooperativa Produttori Latte e Fontina, privati e Amministrazione regionale. L’azione congiunta si deve basare su tre assi principali quali la tutela del marchio, la tutela del prezzo del prodotto e la sua promozione, coordinata e sinergica tra i vari attori del territorio. Nel tempo, abbiamo messo in campo numerose iniziative che vanno proprio nel solco della valorizzazione delle nostre eccellenze, in particolare quella della Fontina DOP, come il Modon d’Or, oltre ad eventi a cui prenderemo parte come il “Chesee” di Bra, e alle iniziative con il Consorzio Tartufo di Alba per abbinare il tartufo alla Fontina, senza dimenticare l’importante opportunità e il valore aggiunto dei mercati transfrontalieri di Svizzera e Francia. Non posso che confermare il nostro impegno a mantenere alta l’attenzione su questo dossier, che rimane per noi prioritario".

1019° Fiera di Sant’Orso: Potenziamento servizio ferroviario da e per la città di Aosta

L’Assessore agli Affari europei,  Politiche del lavoro, Inclusione sociale e Trasporti, Luigi Bertschy, informa che,  in occasione della 1019ª Fiera di Sant’Orso, considerato il forte afflusso di visitatori, sarà potenziata l’offerta di trasporto sulla linea ferroviaria Ivrea-Aosta. Grazie alla collaborazione di Trenitalia (Gruppo FS Italiane), nei giorni della Fiera - mercoledì 30 e giovedì 31 gennaio 2019 - sono previsti i seguenti treni straordinari: nuovo treno in tarda mattinata con partenza alle ore 10.05 da Chivasso (partenza alle ore 10.27 da Ivrea, alle ore 10.38 da Pont-Saint-Martin, alle ore 10,48 da Verrès, alle ore 11.04 da Châtillon e alle ore 11.15 da Nus) e arrivo alle ore 11.26 ad Aosta; nuovo treno nel pomeriggio con partenza da Aosta alle ore 16.17 (ferma a Nus, Châtillon, Verrès, Pont-Saint-Martin e Ivrea) e arrivo a Chivasso alle ore 17.56. Per offrire il maggior numero di posti a bordo dei treni in circolazione, Trenitalia, riprogrammerà l’offerta prevista da orario, raddoppiando la capienza dei convogli nelle fasce orarie di maggiore afflusso alla Fiera. Nel dettaglio, i tre treni in arrivo ad Aosta tra le 9.30 e le 11.30 e i collegamenti di ritorno, in partenza da Aosta alle 16.17 e 16.40, avranno una capienza di 490 posti ciascuno di cui 290 a sedere; confermata tutta la restante offerta con 245 posti offerti su ogni treno di cui 145 a sedere. Inoltre, nelle stazioni di Aosta e Ivrea sarà presente personale di Trenitalia dedicato all’assistenza delle persone in viaggio con il supporto della Polizia Ferroviaria. Allo scopo di facilitare l’afflusso dei numerosi visitatori previsti per la Millenaria - evidenzia l’Assessore Luigi Bertschy - abbiamo cercato la massima sinergia con l’Assessorato alle Finanze, Attività produttive, Artigianato e con Trenitalia. In particolare, per calibrare al meglio il servizio -compatibilmente con i treni che Trenitalia può mettere a disposizione- abbiamo modellato l’offerta di quest’anno, sulla base dei dati che il gestore ferroviario ci ha fornito relativamente all’edizione 2018, durante la quale sono stati registrati oltre 7.000 passeggeri trasportati. 

Autostrade: Bertschy propone un abbonamento annuale

Il tema delle tariffe autostradali in Valle d'Aosta è tornato all'attenzione del Consiglio Regionale. L'Assessore ai trasporti, Luigi Bertschy, ha riferito: «Le concessioni attuali e le tariffe applicate rendono improponibile l'utilizzo dell'autostrada in Valle d'Aosta. La nostra proposta è quella di un abbonamento annuale che prevedrà un mantenimento del progetto d'impresa delle concessionarie, grazie alla diminuzione dei costi delle tratte e l'aumento dei passaggi. Abbiamo già svolto due riunioni politiche con i vari attori per mettere in campo un'azione di forte protesta della comunità valdostana, fortemente danneggiata. Stiamo cercando di unite tutte le forze politiche, sociali ed economiche per ottenere finalmente un risultato positivo. Stiamo anche studiando la legislazione a livello europeo. Il Governo regionale intende istituire coi Parlamentari la dovuta collaborazione affinché la Valle d'Aosta, attraverso le sue Istituzioni, possa rappresentare a livello nazionale i problemi ma anche i progetti e le proposte per il futuro. Invito quindi i Consiglieri del M5S a sostenere a partire dal livello locale il progetto nazionale di revisione delle concessioni e di abbassamento delle tariffe.»

Ottimi ascolti per la puntata di Linea Bianca di sabato 19 gennaio

L’Assessorato del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali informa che, in base ai dati forniti dall’Auditel, la trasmissione Linea Bianca, alla quale l’Assessorato ha collaborato, in onda su RAI 1 sabato 19 gennaio e dedicata alla Valle d’Aosta, ha raccolto 2 milioni 243 mila spettatori, con uno share del 12,94%, risultando il programma più visto nella fascia pomeridiana. Esprimiamo grande soddisfazione per questo risultato e per la positività di queste azioni che fanno parte delle nostre strategie di comunicazione per portare il più possibile la Valle d’Aosta sugli schermi televisivi e sui grandi canali di promozione – afferma l’Assessore Laurent Viérin. L’ottimo risultato riscontrato in termini di ascolti dalla puntata di Linea Bianca dimostra l’interesse per le eccellenze e per ciò che la nostra Valle offre. Le riprese, infatti, hanno consentito di portare nelle case di milioni di spettatori le nostre bellezze ed eccellenze, fornendo così un’immagine vera e a 360 gradi della Valle d’Aosta. Queste azioni promozionali, unite ad altri eventi di valorizzazione del nostro territorio e delle nostre tradizioni, consentono di ottenere una grande visibilità e raggiungere un alto numero di potenziali turisti. Link puntata Linea Bianca Valle d'Aosta Clicca Qui per vedere la puntata in replay

95e édition Arbre de Noël á Paris et retrouvailles avec nos émigrés Valdôtains

À l’occasion de la 95e édition de l’Arbre de Noël, la communauté valdôtaine, à travers les représentants de ses Institutions, a rencontré à la Maison du Val d’Aoste de Paris, les responsables des Sociétés d’émigrés valdôtains : Aldo Daudry et Jean-Pierre Martin Perolino, Président et Ancien Président du COFESEV et de l’Union Valdôtaine Dauphiné-Savoie, Jean-Baptiste Pedretti et Roger Dujany, Président et Président de l’Association sportive de l’Union Valdôtaine de Paris, Gérard Schrepfer et Pierre Bich, Président et Secrétaire de l’Association des Levalloisiens d’Origine valdôtaine, Alain Tavano Blanc, Président de l’Union Valdôtaine de Lyon et, enfin, Jacqueline David Viérin, Président de l’Association Valdôtaine de Savoie. Cette table ronde offre toujours l’occasion d’un échange intéressant qui, à travers les questions qu’ils adressent au Président de la Région, permet aux émigrés d’approfondir leur connaissance de ce qui se passe en Vallée d’Aoste et de l’action de l’Administration régionale dans différents domaines. Au cours de son intervention, à la présence du Président du Conseil de la Vallée, M.me Emily Rini, des Assesseurs Laurent Viérin, Chantal Certan et Albert Chatrian, des Conseillers régionaux Alessandro Nogara, Luigi Vesan, Stefano Aggravi, Roberto Cognetta, Joël Farcoz, Elso Gerandin, Diego Lucianaz, Manuela Nasso et Paolo Sammaritani, le Président de la Région Antonio Fosson a souligné : La « Maison de Paris représente pour tous les valdôtains une grande réalité en tant que symbole de notre petite patrie et de notre histoire. Une histoire qui parle d’émigration : émigration de hier et d’aujourd’hui. Et au sujet de l’émigration est intervenu l’Assesseur au tourisme, aux sports, au commerce, à l’agriculture et aux biens culturels Laurent Viérin qui a annoncé que la Fondation Émile Chanoux a commencé un travail de recherche sur l'émigration valdôtaine au cours des siècles derniers, dont a fait parvenir au Gouvernement régional une proposition de projet, qui vise à approfondir ce phénomène longtemps méconnu et qui part du constat que le temps passe et que le souvenir de la vie des émigrés valdôtains des siècles derniers risque de disparaître avec les femmes et les hommes qui l’ont conservé jusqu’à nos jours .« Pour cette raison – a ajouté l’Assesseur Viérin - , la Fondation propose de procéder pendant l’année 2019 - en collaboration avec les autres réalités culturelles valdôtaines, à un premier recensement des sources écrites, orales, photographiques et audiovisuelles relatives à l’émigration valdôtaine dans le temps. » L' Arbre de Noël è stata anche l'occasione per annunciare la possibile istituzione del Musée de l'émigration, un luogo in cui raccogliere e valorizzare le testimonianze di un fenomeno che ha interessato nei secoli passati migliaia di valdostani. Nel tardo pomeriggio è stata inaugurata la mostra di Giovanni Thoux, De la Bible à l’an deux mille, durante la quale l’Assessore Laurent Viérin, ha sottolineato come « La Maison du Val d’Aoste est un peu notre Ambassade. Dans un moment de tension entre la France et l’Italie nous pouvons être un trait d’union. Nous voulons revaloriser la Maison du Val d’Aoste parce qu’elle est un moyen de promotion touristique et économique importante. »

Bertschy: “La sede territoriale INPS di Verrès non chiuderà.”

La sede territoriale Inps di Verrès non chiuderà. L'assessore Luigi Bertchy lo ha annunciato nel consiglio regionale di mercoledì 9 gennaio: "Questo è l'esito del dialogo e della collaborazione che il Governo regionale ha attivato con la Direzione Inps Valle d'Aosta e con il suo direttore, Francesco Avenoso che ringraziamo, al fine di continuare a garantire la territorialità del servizio - così importante per il cittadino - in un regione, come la Valle d'Aosta, che presenta caratteristiche orografiche molto diverse dal resto d'Italia. Stiamo inoltre valutando con l'Amministrazione comunale e con la dirigenza Inps Valle d'Aosta la possibilità di concentrare in un'unica sede, diversi servizi pubblici, una 'sede di multiservizi', per facilitare il cittadino e per ottimizzare i costi" Qui sotto l'intervento dell'Assessore Luigi Bertchy [video width="1280" height="720" mp4="https://www.unionvaldotaineprogressiste.org/site/wp-content/uploads/2019/01/10000000_362551687874032_439572740820730832_n.mp4"][/video]