Intervista a Elvio Fosseret

Tre domande ai membri del Conseil de Direction dell’UVP

Nato ad Aosta il 25 luglio 1954, geometra libero professionista, imprenditore nei settori edile e turistico- ricettivo, ex assessore nel Comune di La Salle per quattro legislature.

Le Progressiste, nell’intento di presentarti, ha pensato di rivolgerti alcune domande:
È la prima volta che ricopri un ruolo di responsabilità all’interno di un Movimento politico?
Sì, a livello dirigenziale è la prima volta. A ventiquattro anni ho incominciato a fare politica attiva come assessore nel Comune di La Salle nelle file dell’Union Valdôtaine, movimento nel quale ho militato fino a quando nello stesso è stato possibile il dialogo e il confronto. Con la nascita dell’Union Valdôtaine Progressiste ho rivisto la possibilità di perseguire negli ideali e mettere in risalto i valori a cui sempre ho creduto. Far parte di questo gruppo mi onora, nell’UVP si percepisce forte la consapevolezza di riuscire a fare qualcosa di importante per la nostra Comunità.

La tua professione di libero professionista e nel contempo gestore di un’attività ricettiva ti permette più di chiunque altro di percepire i sintomi sull’andamento del turismo, nella fattispecie in alta Valle: rilevi vi sia stata una flessione nelle presenze ultimamente, e qual è la ‘vacanza tipo’ che cercano i turisti dei nostri tempi?
La stagione invernale appena conclusa è stata molto positiva per il turismo in alta Valle, forse addirittura oltre le aspettative. Questo successo è stato determinato anche dalla vasta gamma di offerte di sport invernali che la zona propone e dalla sempre crescente capacità e professionalità del comparto ricettivo. Un ruolo importante che concorre a completare e sopratutto ad allungare sia la stagione estiva che quella invernale, lo svolge il centro termale di Pré-Saint-Didier. Nel comprensorio del MonteBianco, per l’anno 2016 sono state registrate circa 970.000 presenze turistiche, circa l’11% in più dell’anno 2006 dove ne sono state registrate 870.000. Questi dati, anche se confortanti, indicano che molto c’è ancora da fare. Nel campo della promozione, per esempio, in un’indagine eseguita da “Turismo OK” è emerso che almeno il 40% degli operatori dichiarano di non aver mai investito nemmeno un Euro per la propria visibilità. Sarebbe auspicabile che in termini di visibilità e quindi di marketing la Regione intervenisse con maggiore incisione anche coinvolgendo tutti gli operatori del settore, partecipando alle fiere del turismo che si svolgono su tutte le piazze più importanti, promuovendo un brand Valle d’Aosta che ci distingua da un quasi omonimo paesino francese che produce prosciutto, informando che il Monte Bianco ha anche un versante Valdostano.
Se la Valdigne turistica sorride, quella dedita all’edilizia, invece, piange. Il crollo del mercato immobiliare ha portato alla chiusura di tante imprese edili ma soprattutto ha messo in difficoltà molti artigiani che operano nel settore. Difficile trovare alternative; la conversione in altri settori produttivi è drasticamente lenta.

Essere parte attiva e decisionale all’interno del Movimento UVP ti dà la possibilità di intervenire per proporre soluzioni o alternative ad eventuali argomenti politici del momento?
Nel Movimento UVP porto il mio modesto contributo al dialogo e al dibattito sugli argomenti che si presentano quotidianamente. Un importante ruolo che viene svolto dal direttivo è anche quello di fare da trait-d’union con il territorio, ascoltando le esigenze della gente per confrontarle con le possibilità della politica. Ultimamente mi sono occupato dell’elaborazione della proposta UVP sulla legge elettorale, documento approvato lunedì 29 maggio dal  Conseil des Communautés, e che sarà portato all’esame della Maggioranza Regionale, con la speranza di arrivare entro fine giugno all’approvazione finale.