Il discorso di insediamento del nuovo Presidente

Un progetto per gli Autonomisti e per il futuro della Valle

In un discorso diretto, senza perifrasi, il neo Presidente, eletto dall’assembleariunita per il Congresso straordinario dell’UVP, ha invocato una presa d’atto realista della situazione attuale e ha lanciato tre sfide fondamentali per il futuro dell’area autonomista e per la Valle d’Aosta.

Morelli ha sottolineato la necessità di una sigla nuova che «parli con una voce sola e dica una cosa alla volta» e che non sia l’ennesimo, fallimentare cartello elettorale pronto a dividersi alla prima difficoltà.

Il Presidente ha quindi criticato l’uso cerimoniale e retorico del francese che oggi, in Valle, è ridotto al rango di latinorum e che allontana l’elettorato che da questo uso elitario della lingua francese si sente escluso.

In ultimo Morelli ha spaziato sulle sfide future che ci attendono a livello globale e conseguentemente anche tra le nostre montagne: sfide, alcune, che non possono neppure essere previste, ma che solo cambiando la forma mentis sociale e economica della Valle potranno essere affrontate e delle quali potranno essere colte le grandi opportunità.