I tempi della vecchia politica

Da 13 giorni le forze di opposizione hanno richiesto un consiglio straordinario per risolvere la questione dei cantieri forestali e di altre urgenze, per evitare che la crisi tutta interna alla maggioranza, penalizzi pesantemente l’avanzamento di certe emergenze, importanti per la comunità. Ad oggi,dopo quasi 2 settimane, non è ancora stata fissata dalla Presidente Rini questa data,malgrado il parere espresso dalla commissione convocata d’urgenza. Fissare una data: cosa che riteniamo non difficile da decidere di fronte a un provvedimento urgentissimo che non può più aspettare. E neppure è stata convocata la conferenza dei capigruppo.
E ciò , malgrado i proclami arrivati da più parti, sulle urgenze da risolvere di cui in tanti si son fatti belli.
Aspettiamo quindi che la Presidente, probabilmente impegnata in altre faccende più importanti e appassionate, nelle sue trasferte fuori Valle, convochi questo Consiglio, sollecitando con forza questa convocazione per rispetto delle persone che, sul territorio e fuori dal palazzo, aspettano certezze e soprattutto risposte chiare dagli amministratori. Persone che sono in grande difficoltà e che non possono di certo aspettare i tempi della vecchia politica e i ritardi di chi non ha tempo o voglia di decidere. Alla faccia delle urgenze, delle larghe intese sui temi, sbandierate da tanti , della crisi, e delle esigenze reali della gente . Anche questi sono i costi della politica .
E anche questi sono i messaggi diversi che dovrebbero arrivare dalla politica .

Laurent Viérin