EUSALP – Nuove opportunità per la Macro Regione alpina: strategie e agenda montagna UE per i territori alpini

Luigi Bertschy, Assessore agli Affari europei, politiche del lavoro, inclusione sociale e trasporti è intervenuto, il 28 febbraio a Milano, all’evento di lancio della Presidenza italiana di EUSALP, appuntamento di particolare importanza poiché rappresenta il passaggio formale dalla Presidenza tirolese dell’anno 2018 a quella italiana del 2019.

EUSALP è una strategia bottom up fortemente voluta dalle Regioni per coordinare più efficacemente, a livello territoriale, parte delle loro politiche e affrontare insieme le numerose sfide che si presentano. La strategia alpina punta a promuovere una gestione sostenibile dell’energia e delle risorse naturali e culturali e ad aumentare lo sviluppo del territorio, favorendo una mobilità sostenibile, una rafforzata cooperazione tra i Paesi partecipanti, nonché lo sviluppo di servizi ed infrastrutture di comunicazione.

Lo sviluppo della competitività, con una particolare attenzione all’imprenditoria giovanile, e la promozione della creazione di nuove opportunità di lavoro, soprattutto nei settori della green economy e delle nuove tecnologie fanno parte dei temi concreti, a livello macroregionale, del programma di presidenza italiana di EUSALP. L’Italia intende, inoltre, affrontare tematiche ambientali, idee e tecnologie innovative per conciliare sviluppo economico e salvaguardia del patrimonio naturale, e tematiche macroregionali, quali la riduzione del gap tra le aree urbane, più forti e sviluppate, e le aree rurali, più deboli e marginalizzate.

“Rappresento una piccola Regione di montagna – ha sottolineato Bertschy nel suo intervento – che nell’ambito di EUSALP ha assunto la leadership del gruppo di azione 5, incentrato sull’accessibilità alle infrastrutture digitali e ai servizi di base EUSALP, che promuove gli smart villages quali modalità innovative di erogazione dei servizi di interesse generale e di sviluppo dei villaggi alpini, tramite l’attuazione di nuovi modelli organizzativi supportati dalle tecnologie digitali, permettendoci di creare quelle opportunità che sono indispensabili per creare equità sociale e sviluppo, e per far crescere i nostri territori. Le Alpi, da un lato, sono caratterizzate da una grande ricchezza di paesaggi naturali e di beni culturali, ma dall’altro lato continuano a soffrire di una marginalizzazione socioeconomica che, in determinati ambiti, ne impedisce lo sviluppo. La Valle d’Aosta presenta dei deficit infrastrutturali nell’ambito dei traporti, dovuti principalmente alla sua localizzazione geografica e alla sua conformazione morfologica. A questo proposito, considerata la strategicità del settore dei trasporti e dell’accessibilità, la Valle d’Aosta spera di poter trovare in EUSALP un’alleanza forte per costruire politiche strategiche per lo sviluppo della mobilità, in particolare nell’ambito del trasporto ferroviario a beneficio delle popolazioni montane”.

Bertschy ha infine ricordato i due eventi che saranno organizzati in Valle d’Aosta in questo anno di Presidenza italiana di EUSALP. Il primo, che è patrocinato dall’Istituto europeo degli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa si terrà al Forte di Bard i prossimi 2 e 3 aprile e rappresenterà l’occasione per promuovere nuovi itinerari culturali legati a EUSALP. Il secondo, che si terrà a Courmayeur i prossimi 23 e 24 maggio, avrà come focus principale la tematica degli smart villages, quali modalità innovative di erogazione dei servizi di interesse generale e di sviluppo dei villaggi alpini, tramite l’attuazione di nuovi modelli di organizzazione dei servizi.