Les vérités cachées

la reconstruction de la situation réelle

Lors du premier Conseil d’octobre, nous avons discuté de la politique financière de notre Région, après, entre autres, que le Gouvernement régional ait suspendu les aides à fonds perdus, ainsi que le soutien à tous les secteurs cruciaux pour notre économie, qui ont attendu en vain des réponses pendant des mois. Et ce, quelques heures après que l’on ait appris que les fonds étaient venus à manquer dans le secteur agricole, pour 65 millions d’euros, ce qui a ajouté un nouvel élément dans la reconstruction de la situation réelle du budget de notre Région, fruit de l’utilisation des ressources par ceux qui gouvernent la Vallée en ce moment. Le moment de vérité – auquel on s’attendait depuis longtemps et que l’on ne pouvait plus cacher – quant à la grave situation financière à laquelle nous ont menés ceux qui gèrent le pouvoir dans notre région. Une situation tragique, que l’on a cachée des mois durant, surtout pendant la période électorale, mais dont la gravité apparaît aujourd’hui dans toute son ampleur, au détriment, hélas, de la communauté et des différents secteurs de développement de notre société et de notre économie. Et qui révèle la réalité des faits. Après les vérités cachées sur le non renouvellement du contrat des personnels des transports par câble, les sureffectifs du casino, dont on ne s’aperçoit qu’aujourd’hui, après les recrutements et les promesses d’il y a à peine six mois, après les coupures à la culture, aux collectivités locales, aux aides accordées dans le secteur touristique et hôtelier, énergétique, social, voilà que le secteur agricole aussi est frappé, alors qu’il était déjà à terre. Et voilà qu’est arrivée la prise d’acte du “default” dans ce secteur aussi, puis l’obligation de révéler la vérité sur la situation générale. La crise et l’interruption des aides dans tous les secteurs. Manque de fonds inhérents aux paiements dus, sur la base des lois de secteur, et promis, pour des dossiers déjà traités et des investissements déjà effectués, que  personne n’a eu la décence de signaler. La réalité est bien pire que ce que l’on croyait. Des vérités cachées, donc, et des promesses électorales, assorties de fausses promesses pour rassurer, qui font place aujourd’hui à la réalité. Une réalité qui révèle un fort endettement, des trous budgétaires, de mauvais investissements et la crise d’un système, face à des priorités qui ne correspondent pas aux exigences réelles de la communauté et qui ne représentent pas à l’heure actuelle croissance et essor pour notre région. Un projet qui ne saura pas affronter les défis du futur et qui indique l’échec de la gestion actuelle, lequel, malheureusement, conduit tout droit la Vallée à la dérive. Des investissements pour des centaines de millions d’euros dans les grands ouvrages, des dizaines dans des erreurs de projets, et les émoluments faramineux des managers des sociétés à participation régionale, qui ne semblent pas être en passe de baisser, face à des coupures et la fin des investissements, en revanche, dans les secteurs cruciaux comme la culture, le tourisme, l’agriculture, les entreprises et les collectivités locales. Une gestion, de plus, qui est en train d’endetter la Vallée pour les 20 prochaines années, avec le recours aux prêts et emprunts. Et qui allègue comme justification la crise ou les coupures opérées à l’échelon national : en fait, l’argument de la crise sert à masquer des choix bien précis, qui en sacrifient forcément d’autres. Des fonds qui ont été réduits, c’est vrai, mais que l’on trouve aujourd’hui pour certains, alors qu’il n’y en a pas pour les priorités de cette Vallée. Et ce, alors qu’il manque une direction bien précise, une planification bien claire, qui oriente aussi la communauté vers les investissements  et qui mette en lumière toutes les limites d’un projet désormais dépassé et contradictoire qui ne saura faire face aux défis du futur. L’heure de la vérité est arrivée, même si, par souci d’honnêteté intellectuelle, on aurait pu la dévoiler avant à la communauté et éviter ainsi de se moquer du monde. Il y a bien quelqu’un aujourd’hui qui sera forcé d’admettre ce qui était déjà dans l’air, depuis des mois. Le fait que les fonds manquent parce qu’ils ont été en grande partie dépensés pour autre chose, des grands ouvrages et de grands intérêts principalement, au détriment des secteurs principaux de notre Vallée, qui sont anéantis, à cause de choix erronés, sur lesquels il faudra revenir si l’on veut relancer la Vallée d’Aoste et son futur.

Il Congrès UV

pensando al federalismo

Si avvicina il Congrès National dell'Union Valdôtaine e sarebbe da snob far finta di niente, essendo, tra l'altro, stata invitata - per i saluti iniziali - la nostra Presidente, Alessia Favre. Toccherà ad Ennio Pastoret - predestinato da tempo alla Presidenza del Movimento, perché scopertosi rollandiniano al momento giusto della sua vita, allo scadere del terzo mandato - anche il compito di far fischiare le orecchie all'Union Valdôtaine Progressiste. È comprensibile che sia così: si chiama concorrenza e, nel mercato della politica, è giusto che ognuno propagandi il proprio prodotto, utilizzando anche le sgradevolezze della pubblicità comparativa. Noi, come scelta, lo facciamo criticando scelte amministrative e posizioni politiche, certo anche personali, ma senza l'uso dell'offesa. Trovo, però, che si debba avere - e non solo per i miei lunghi trascorsi nel Mouvement - un grande rispetto (che mi augurerei reciproco), al di là della legittima e talvolta rude competizione politica. L'Union Valdôtaine è ancora un'espressione importante della società valdostana e la mia famiglia credo abbia dato un suo contributo all'UV. Per altro, comportarsi con disprezzo non gioverebbe per nulla alla qualità del dibattito politico, in una Valle d'Aosta che ha bisogno, come il pane, del rafforzamento del confronto reciproco e di nuove forme di progettualità per reggere l'urto con i cambiamenti incombenti. Ecco perché mi auguro che il Congrès non sia una messa cantata, con un solo officiante, che si sovrapponga addirittura all'Altissimo. Di recente sono stato garbatamente citato - ad un dibattito voluto dall'UVP - dal Presidente uscente, Ego Perron, che ricordava come io citassi spesso, a mia volta, l'esempio della coesione della SüdTiroler Volkspartei, il partito di raccolta della minoranza germanica nella Provincia di Bolzano-Bozen. Verissimo, ma andava aggiunto un addendo che ho sempre ricordato: il loro sistema prevede meccanismi di pluralismo interno, che consentono rapporti equilibrati. Anche Presidenti forti, come Luis Durnwalder, che per 25 anni ha governato con forza la Provincia, non hanno mai avuto tentazioni totalitarie, di chi vuole tutto occupare e tutti zittire. Mi piacerebbe che questo pluralismo si evidenziasse nel Congrès e che non fosse - lo dico con la simpatia che si deve a dei connazionali - una semplice timbratura di documenti già scritti e di una leadership di partito, scelta per la sua docilità "pensionistica". Il potere, quando diventa autocratico, trasforma l'autorevolezza in autoritarismo e anche il buon pastore (Pastoret est le diminutif de pastor,forme ancienne de pasteur,jeune berger. L'idéal si un Mouvement risque d'être un troupeau...) rischia di buon grado di diventare oggetto delle bizze del feudatario. Capisco e porto a casa l'obiezione possibile: pensate ai fatti di casa vostra e alle possibili ragioni di critica verso l'UVP. Verissimo, ognuno deve pensare al proprio orticello e non sbirciare in quello altrui. Noi "progressisti" non abbiamo ancora spento la candelina del primo compleanno e dunque siamo ancora degli infanti e lo sappiamo bene che dobbiamo sforzarci, giorno dopo giorno, per crescere bene e questa strada la percorreremo con impegno. Evitando, se ci riusciremo, passi falsi ed errori. E soprattutto avendo un principio cui mai derogare: il federalismo. Émile Chanoux diceva: "...questo diritto a veder rispettata la propria personalità, non è solamente dell'uomo individuo, ma anche dell'uomo organizzato nei diversi corpi sociali". Per cui la democrazia per un federalista - e viceversa il federalismo per la democrazia - non sono, come si dice in patois, "bollion pe le mort", cioè una cosa inutile e pura propaganda, che crea una situazione - sbilenca per chi ne diviene prigioniero - fra il dire e il fare.

Luciano Caveri


Il patto di stabilità incombe

Ma non sia l’alibi infinito

Esiste un nuovo capro espiatorio di tutti i mali della Valle d’Aosta: si chiama “patto di stabilità” ed è diventato la foglia di fico di tutte le magagne possibili immaginabili. Non che il problema non esista, ma il vero nodo è che questa logica di stringere i cordoni della borsa e di impedire forme di spesa non è una ghigliottina non negoziabile, ma lo diventa se si accettano i diktat romani, calando le braghe, senza colpo ferire. E pensare che c’era chi, molti anni fa, lo diceva. Consentitemi di autocitarmi con passaggio dell'ottobre di quattro anni fa sul mio blog: «Temo infatti che, specie nella coda della crisi, ci sia il veleno. In Italia questo vuol dire l'uso del "patto di stabilità" per garrotare le autonomie, magari con la mazzata finale per le "speciali" nel nome - colmo dei colmi - del "federalismo fiscale" (tra virgolette, essendo una bugia). Lo Stato senza il "vero" federalismo è una macchina livellatrice (il "Moloch" di Proudhon), che mira - nel nome dell'uguaglianza - a costringere situazioni diverse all'uniformità. Le "specialità", come la Valle, disturbano, pensando poi che talvolta - lo dice sempre la storia - i nostri peggiori nemici siamo noi stessi». Parole profetiche nell'attualità. In altre circostanze, ho svelato ancor meglio il piano in corso e invitavo ad una reazione. Risalendo negli anni, si potrebbe vedere che preoccupazioni del genere le avevo già all'epoca della mia Presidenza della Regione, a partire dal 2005. Non a caso in quegli anni i danni vennero arginati, perché l’autonomismo funziona se lo si applica. Poi, invece, è cominciato il cammino verso l'attuale precipizio, in cui siano caduti per l'incapacità del presidente, Augusto Rollandin, tornato al comando nel 2008, di gestire i rapporti politici a Roma e a Bruxelles. La sua concezione feudale della politica, la mancanza di un background adeguato ai tempi mutati, la trasformazione dell'Union Valdôtaine in una macchina personalistica, l'amministrazione piegata a macchina da voto e clientelare, la scelta di circondarsi di assessori sempre più accondiscendenti, la volontà di seguire filoni legati a fili invisibili di potere sono il segno di un fallimento. Il tramonto è, purtroppo, di una lentezza esasperante, per l'evidente paura della caduta di un castello di carte, che sta ormai in piedi per un soffio, e questa situazione danneggia in profondità questa nostra autonomia speciale, che rischia di morire. Ecco perché chi sacralizza l'obbedienza, spacciandola come qualcosa di legato ad un movimento politico e al suo patrimonio di idee e di valori, racconta una bugia, piegandosi in realtà a chi, adoperando i lati deboli della democrazia, ha costruito un sistema di potere personale, autocratico e dannoso. La ribellione, dunque, non è un capriccio o una frustrazione, ma un elemento di autodifesa, per non rimproverarsi un giorno di non averci provato. Per cui, in certe circostanze, coltivare l'obbedienza non ha significato: «L'autorité n'existe plus dès qu'elle a rendu l'obéissance honteuse et la révolte honorable», una frase di Louis-Philippe de Ségur, che sintetizza bene le conseguenze.

La melina sui rifiuti

Aspettando la Corte Costituzionale

La mia posizione personale sui rifiuti in Valle - e cioè bruciare i rifiuti, come soluzione tecnica accettabile - era stata il frutto di un approfondimento e della constatazione che questa tecnologia resta la più adoperata in Europa. Se dovessi dire, a darmi la spinta decisiva, fu la possibilità, allora considerata fattibile dai tecnici, di usare l'impianto per far lentamente sparire l'orribile discarica alle porte di Aosta. Cosa accadde poi è noto: lo scenario dopo il 2008 mutò in fretta. Ci fu un primo cambio di rotta del Governo Rollandin, che non so leggere ancora oggi, con l'idea di andare verso trattamenti a freddo, ma si tornò in fretta al termovalorizzatore e  - anche in questo caso spuntato come un fungo in una notte - si giunse alla scelta di un pirogassificatore. Tra l'altro con la novità, smentendo quanto detto in precedenza, che la discarica di rifiuti non poteva essere smantellata. Quando si profilò il referendum, dissi subito la mia idea al gruppo dell'Union Valdôtaine: se si toccano argomenti che hanno a che fare con rischi per la salute, sull'esito di certe consultazioni popolari non ci sono dubbi di sorta. Avevo ragione. Dopo lo stop al pirogassificatore, ci sono state complesse vicende giudiziarie e resta in piedi il ricorso decisivo dello Stato contro il cuore della legge regionale numero 33, del novembre 2012, che recepisce l'esito del referendum, impugnata perché considerata illegittima. A giorni, essendo fissata l'udienza della Consulta il 5 novembre, si conoscerà  l'esito e la conseguente sentenza, che potrebbe anche colpire non solo lo specifico argomento referendario, ma anche eccepire sui meccanismi che regolano il referendum regionale. Mi par di capire che il Governo Rollandin sui rifiuti, prendendo tempo e montando una sorta di gigantesca melina, stia non a caso aspettando, nella speranza di ripartire sulla strada bocciata dai cittadini. Si tratterebbe di un terribile abbaglio: i pronunciamenti democratici vanno rispettati sino in fondo, qualunque fosse l'idea di partenza di ciascuno di noi. Lo stesso vale, a maggior ragione, se a colpire la legislazione regionale fossero i giudici costituzionali. Qualunque sia stato il giudizio sulla legge sui referendum propositivi, che certo potrebbe avere profili di incertezza rispetto all'ordinamento generale sui procedimenti legislativi (anche questo lo dissi in epoca non sospetta), esiste un principio di tutela dell'autonomia, che è a prescindere. E sarebbe il colmo gioire in qualche modo di una diminutio dei poteri e delle competenze della nostra Valle. Insomma: è un'attesa carica di interesse e - temo - di interessi.

Via i mercanti dal tempio

La memoria dei valdostani alle volte è corta

«È necessario che i giovani, le forze democratiche e progressiste, con coraggio, spazzino i vecchi schemi del potere politico che gioca ancora al vantaggio di avere una burocrazia pronta ad ubbidire purché le vengano garantiti i propri privilegi. Il "via i mercanti dal tempio" significa qui via gli affari dalla politica, i maneggioni, quelli che vogliono crearsi un impero finanziario sulle spalle del voto, onesto e pulito dei cittadini». Era Bruno Salvadori. Era il lontano 1974. Purtroppo il quadro è drammaticamente simile alla situazione attuale. Credo che non sia necessario dilungarsi nella descrizione delle ultime umilianti vicende della politica valdostana per capire la drammatica contemporaneità di questo breve scritto. Ma poiché la memoria dei valdostani alle volte è corta, mentre le bugie qui da noi sembrano non seguire il motto comune e vengono dimenticate subito, ecco un breve elenco di quanto compiuto in questi ultimi mesi dai "mercanti":
  • svendita dell'autonomia speciale per una totale mancanza di interlocuzione con Roma, come dimostrato dal riparto fiscale ridimensionato e dall'imposto patto di stabilità;
  • totale assenza della Valle nel dibattito sulle riforme costituzionali con i due parlamentari valdostani passivi rispetto agli ordini aostani;
  • totale sparizione della Valle d'Aosta dallo scenario europeo grazie alle decisioni da parte di un Presidente privo di qualunque interesse vero per la dimensione internazionale della Valle;
  • sparizione del francese e del suo utilizzo, usato come semplice orpello e non come passepartout nel vasto mondo della francofonia;
  • profondo rosso per il Casinò e - ciliegina sulla torta - la mancata revoca del bonus a Frigerio il quale con un Casinò sul lastrico otterrà comunque il suo premio di produzione (sì avete capito bene: premio di produzione!)
  • gestione di CVA opera come un'azienda privata, o meglio di un solo privato, priva ormai di qualunque mission di lungo periodo nel settore strategico dell'energia;
  • svuotamento sistematico dell'autonomia comunale, impoverita da tagli finanziari e da scelte centralistiche del Palazzo;
  • la nomina di Pier Carlo Rusci come Presidenete di Inva;
  • mancata copertura finanziaria dei contributi agricoltura;
  • silenzio totale sui rifiuti dopo la scelta netta operata con referendum dai cittadini valdostani;
  • mancata consegna delle borse di studio promesse agli studenti;
  • acquisto di treni bimodali per nascondere la totale mancanza di strategie politiche vere e serie nel settore ferroviario e dei trasporti;
  • la nomina di Adriano Favre quale responsabile del Soccorso alpino valdostano contro ogni indicazione espressa in seno all'assemblea;
  • ed in ultimo, per continuare con la distribuzione delle poltrone a chi non ha trovato posto nelle stanze dei bottoni di Palazzo regionale, la nomina di Patrizia Diemoz alla Presidenza dell'Arer.
Che dite, non sono ancora abbastanza?

Salassi e Romani

Eppur si scherza…

Ho trovato divertente il giochino, in Consiglio Valle, fra chi si sente Salasso e chi Romano. Mi sono permesso - con rispetto, naturalmente - anche un Twitter scherzoso sul fatto che il Presidente, di nome Augusto, si senta...Salasso. Praticamente un ossimoro. Noto, fra parentesi, che il prossimo anno saranno i duemila anni dalla morte proprio dell'ideatore di Aosta, Cesare Augusto, sterminatore dei Salassi: giubilo per i "salassiani", lutto per i "romanisti". Non è una cosa nuova questa diatriba, ma torna ogni tanto in superficie. Fin che si scherza, penso che si possa stare al gioco, specie se somiglia allo contro al Carnevale di Pont-Saint-Martin fra le due fazioni, rese caricaturali e dunque innocue. Se ci sposta da questo piano, si entra su di un terreno molto scivoloso. Ricordo la carica antiromana del deputato francese di origine valdostana, Parfait Jans, nel reclamare a gran voce un ricordo del genocidio del popolo dei Salassi. Un suo passaggio: "En l’an 25 Av.J.C. sur ordre d’Auguste, le général Térencius Varro Muréna lance la guerre d’extermination contre le peuple salasse. Feu et sang ! En quatre jours (ce sont les scribes et historiens de l’époque qui l’écrivent) on comptent trente six mille morts ou vendus sur le marché d’esclaves d’Eporedia et huit mille jeunes salasses enrôlés de force dans les légions romaines. Tel est le sort subi par nos ancêtres, tel est le bilan de l’occupation romaine. Tel a été l’odieux comportement des Romains dans notre région. Il faut dire qu’ils avaient déjà vaincu tous les peuples des autres vallées alpines. Les Salasses étaient les derniers à résister ce qui devait accroître encore la colère des occupants". Naturalmente noi abbiamo, come fonte documentale, solo la versione dei vincitori, vale a dire dei Romani. Così come possiamo solo immaginare come negli anni successivi si sia imposta la loro presenza con la decisione di diventare stanziali, occupanti e colonizzatori, attraverso la nascita di quella che è oggi Aosta, come spiegato in un sito sulla storia romana: "Augusto fondò qui una città, le diede il suo nome e vi inviò tremila soldati delle corti pretoriane, da cui il nome "Augusta Praetoria Salassorum". I romani costruirono qui una cittadella fortificata, che garantisse il transito nelle vie consolari che collegavano l'alta Italia con l'Europa nord occidentale. Aosta infatti raccoglie e sintetizza le migliori esperienze architettoniche della Roma imperiale. La sua pianta rettangolare, ha i lati di m 724 x 572 con l'asse maggiore parallelo all'andamento della valle, nell'ansa che precede la confluenza del torrente Buthier con la Dora". E i Salassi, già essi stessi probabilmente invasori rispetto ai popoli precedenti, che fine fecero? Qui, al di là degli ideologismi e di una lettura deterministica e talvolta infantile dell'autonomia attuale, veniamo al nodo del problema. Il fatto semplice è che i valdostani di oggi, già prima di contare sulle immigrazioni dell'ultimo secolo e mezzo, come quella piemontese, veneta, calabrese e oggi di persone che giungono da Paesi distanti, sono il risultato di un misto di vari pezzi d'umanità, che hanno formato le caratteristiche - sempre in movimento - di quello che chiamiamo oggi il popolo valdostano. Il fatto che l'identità sia composta, come in un puzzle, da tanti diversi tasselli - per cui ognuno di noi può dire di sentirsi un pezzo di Salasso e un altro pezzo di Romano, senza contraddizione - è in fondo elemento di forza e non di debolezza.

Va avanti l’acquisto dei treni bimodali

Una scelta nel vuoto di strategia

Per una volta una decisione rapida nel settore Trasporti in Valle d'Aosta: mi riferisco all'acquisto, a totale carico della Regione, di cinque treni bimodali con una spesa prevista di 47,5 milioni di euro. In tempo di crisi, una cifra enorme e un'iniziativa che il Governo regionale condivide - visto il no della minoranza - solo con la sua risicata maggioranza. Sono stato il primo a proporre l'utilizzo di questi treni bimodali una decina di anni fa. Mi riferisco al tempo in cui ci fu la compartecipazione all'acquisto da parte della Valle dei treni diesel noti come "Minuetto. Allora avevo pensato (e ci viaggiai sopra in Francia) a questi treni che possono funzionare con il diesel fine a Ivrea e - schiacciando un bottone - usare l'elettricità da Ivrea in poi, viaggiando sulla linea elettrificata. Pensavo - anche se le Ferrovie lo smentivano - che nel passante ferroviario di Torino, dopo i lavori di costruzione, non avrebbero fatto entrare, per problemi di inquinamento, i treni diesel e avevo ragione. Questo ha cagionato l'obbligo del vigente cambio del treno a Ivrea, che peggiora la situazione per i nostri pendolari. Ora si potrebbe immaginare che l'idea, ora concretizzatasi, di comprare dei bimodali mi renda contento come una pasqua. Non è così per una ragione principale: questo acquisto - e sono curioso di vedere chi li costruirà, visto che sul punto ci sono già delle voci - oggi è una scelta nel vuoto pneumatico di decisioni vere sulla linea. Sono ormai tre anni (tre anni!) che risultano ferme al palo - ed è un fatto di una gravità inaudita, degna della richiesta di un intervento del Capo dello Stato - le "Norme di attuazione dello statuto speciale della regione Valle d'Aosta/Vallee d'Aoste in materia di trasporto ferroviario". La foga dell'acquisto nasconde che queste norme, inapplicate del tutto, sono quelle che declinano con puntualità una politica ferroviaria regionale, sulla base del molto lavoro svolto - sia tecnico che giuridico - nell'epoca in cui fui Assessore. Poi, come membro della Commissione paritetica Stato-Regione, compartecipai  all'atto dell'approvazione dello schema di decreto legislativo, poi diventata legge, svuotata della sua forza perché rimasta inanimata. Non entro qui nel dettaglio di che cosa voglia dire essere i titolari dell'esercizio e, volendo, proprietari della linea, dopo aver chiarito la questione fondamentale della quota dei finanziamenti statali per far viaggiare i treni e per ammodernare la linea. Si tratta di scegliere questioni importanti, come l'elettrificazione, i raddoppi selettivi dei binari, gli interventi, specie nel tratto canavesano, sui passaggi a livello. Invece, si comincia coi treni, nel buio pesto dei rapporti con lo Stato e con le Ferrovie, che da sempre sono interlocutori sfuggenti, che godono di un sistema di finanziamento paradossale: la Regione paga fior di milioni alle Ferrovie tramite lo Stato (che poi sono la stessa cosa...), ma i rapporti sono gestiti dal lontano e ineffabile Ministero dei Trasporti. Insomma, l'acquisto dei treni - isolato da scelte di contesto - si trasformerà solo in un impantanarsi nelle sabbie mobili. Chissà, tra l'altro, se sarà stata rispettata quel comma 7 dell'articolo 2 della norma di attuazione che si occupa anche del materiale rotabile e che dice: "La Regione, l'Impresa ferroviaria e il Gestore dell'infrastruttura stipulano specifici accordi di programma disciplinanti gli interventi da attivare, ivi incluso il rinnovo del parco rotabile, per garantire l'adeguatezza, sotto il profilo qualitativo e quantitativo, dei servizi ferroviari trasferiti, nonché' gli oneri necessari alla loro realizzazione". Treni moderni su una linea da Far West con il boccino in mano a Stato e Ferrovie. Difficile pensare a qualcosa di peggio.

Basta con il culto della personalità

Ritrovare la democrazia partecipativa

Chi oggi denuncia le storture assunte dal sistema valdostano non ha avuto paura di fare le proprie autocritiche, ma pretende – sempre e comunque – di effettuare, rispetto ai ruoli passati, dei distinguo, perché ognuno risponde delle proprie azioni e, in politica, delle cose fatte. Per cui non ho nessun problema a dire, perché lo scrivo da anni, che il culto della personalità è una brutta storia, che si declina ovviamente in forme di diversa gravità, che va da un blando autoritarismo sino ai totalitarismi. La definizione, che non ha nulla a che fare con le forme buone di leadership, che sono insite nella politica, che ha bisogno di esponenti di spicco, ma ne è una degenerazione, suona così: "forma di idolatria politica che porta alla venerazione e all'esaltazione del pensiero e dell'opera di un personaggio politico, cui vengono attribuite doti di infallibilità e alla cui figura di capo si fa risalire tutto il bene di un Paese". Quando dico che si evidenzia in vari modi, intendo proprio dire che si va da forme blande di accettazione passiva del fenomeno - permeata anche da un addendo: la paura che fa parte di questi sistemi (“cosa mi capita se non mi adeguo?”) - sino a chi trasforma l'esaltazione del Capo in una sua personale religione. Non è più politica, ma diventa atto di fede verso l’Altissimo e come tale prescinde da fatti concreti. Ci pensavo rispetto alla situazione difficile e complessa della Valle d'Aosta, fra tagli finanziari impressionanti, politiche confuse che colpiscono molti settori, sospetti sulla limpidezza di certi dossier. Ebbene per molti ancora la scorciatoia resta il culto della personalità del Presidente, Augusto Rollandin. Chi lo attacca - basta vedere nei social media - diventa cattivo, traditore, venduto, invidioso. E uso delle espressioni riferibili, perché in certe difese d'ufficio, da bar, si sente ben di peggio. Questa logica della difesa "Perinde ac cadaver" (motto dei gesuiti che dice che bisogna farsi trascinare dalla fede a corpo morto) trova forme singolari di obbedienza e di giustificazione di qualunque cosa. Un caso esemplare: guardate i comportamenti di certi Sindaci di fronte all'evidente progetto di centralismo regionale, attraverso continui tagli di risorse ai Comuni, nel nome della crisi,n usata come pretesto per nuove forme di sudditanza verso la Regione. Dovrebbero per missione difendere i diritti delle comunità che li hanno eletti, ma nella logica del culto della personalità, certi non si permettono di criticare: così non solo tacciono nelle sedi ufficiali ma, se intervistati, sono comprensivi e melliflui. Se "Lui" ha deciso - questo il succo - lo ha fatto perché è stato costretto e comunque, sia chiaro per non prendersi lavate di capo ex post, che agisce per il bene di tutti noi. Amen. Manca solo la genuflessione e per i più zelanti il bacio della pantofola. Ricordo, quando mi capitava di contrastare nel Gruppo dell'UV certe decisioni. Le critiche venivano accolte nel silenzio e con fastidio. Anche chi mi dava ragione in privato, nella riunione non si esponeva. Raramente c'era chi, magari neppure conoscendo il tema, interveniva con virulenza per compiacere il capo, sperando in una medaglia. Eroismi inutili, visto che la gran parte di quelli che lo facevano, in queste elezioni, sono stati lasciati a casa, nella logica elegante dell'"usa e getta". Avanti i prossimi. Alla fine vale un celebre passaggio di "Avere o essere?" di Erich Fromm, che dice nella sua logica umanista: "La democrazia può resistere alla minaccia autoritaria soltanto a patto che si trasformi, da "democrazia di spettatori passivi", in "democrazia di partecipanti attivi", nella quale cioè i problemi della comunità siano familiari al singolo e per lui importanti quanto le sue faccende private". Perfetto anche per la Valle d'Aosta di oggi, dove la democrazia deve ritrovare la sua strada, perché altrimenti ne andrà della nostra autonomia speciale.

Contro la memoria corta

La verità per reagire alla situazione

Il concetto d’urgenza è in Valle d’Aosta, per chi oggi gestisce il potere, cangiante come i cieli autunnali, a seconda delle necessità. Si tratta di una constatazione, che potrebbe pure divertire, come rappresentazione grottesca di una certa concezione del potere come declinante parabola umana, ma la verità è che i danni che si cagionano sono reali e pericolosi. La denuncia non serve come inutile lamentazione verso il cielo, ma come utile insegnamento per tracciare una linea da oltrepassare. Perché certe storie e certi atteggiamenti appartengano al passato e non tornino più, facendo parte, semmai, di una galleria degli orrori/errori da tenere presente per non tornare mai sui propri passi. Ricordo la legge sulla grande distribuzione: se non la si fosse fatta da un giorno all’altro sarebbe caduto il mondo (o forse la costruzione di un ipermercato). Poi, preso il tempo necessario, si è fatta la legge regionale. Aggiungo, per la cronaca, che in questi ultimi mesi i sudtirolesi si sono mossi per avere delle eccezioni per il loro territorio, mentre da noi non si è ritenuto opportuno farlo. Si vede che la liberalizzazione piace. Ricordo ancora la legge di riforma dell’ordinamento degli enti locali: in coda all’ultima Legislatura regionale sembrava che se non si fosse fatta da oggi al domani chissà quale sciagura avrebbe investito la Valle d’Aosta. Da allora il dibattito langue e ci si è occupati semmai di come regolare gli appalti per le forniture, perché “c’est l’argent qui fait la guerre”. Vale anche l’inverso. Quando qualcuno diceva: attenzione perché il Casinò sarà sottoposto ad un feroce piano di ristrutturazione, la smentita era d’obbligo e persino con toni risentiti. Una Assessore in carica oggi in Regione diceva in sala: “Invenzioni di Caveri”. Poi è arrivata la batosta: bisogna fare subito un “taglio” con riduzioni di personale. Strano ma vero. Qualcuno diceva, mesi fa, che sulla reale situazione finanziaria della Regione si nascondeva la polvere sotto il tappeto. Risposta: stiamo benissimo e il nuovo riparto fiscale funziona come un orologio svizzero. In queste ore, invece, si annuncia una Finanziaria 2014 lacrime e sangue, come se nulla fosse, confidando evidentemente su una generale memoria corta. Questo va ricordato e gli esempi da aggiungere sarebbero molteplici. Intendiamoci bene: nessuno nega la gravità della situazione e intende sottrarsi ai doveri politici conseguenti. Inoltre, fatemelo dire, nessuno nega il proprio passato, ma è proprio l’esperienza accumulata – per chi ce l’ha – a dire che il degrado ha oggi raggiunto livelli impensabili, quando un sistema implode ed esplode, rischiando di portare via autonomia speciale e benessere della nostra comunità. Più in volte, in queste serate di incontri e di dialogo politico, mi rendo conto di come sia necessario svelare tutta una serie di arcani per contrastare questa politica delle camarille e delle stanze segrete. Questo significa rinnovare, avendo coscienza di che cosa c’era prima, con memoria storica e prudenza. Si tratta di una necessità di cambiamento che va operata con decisione, ma senza violenze o traumi. Con la dolcezza e la convinzione che non si opera per interessi personali o per sostituire un clan con un altro, ma per una Valle d’Aosta degna della sua Storia.

Un po’ di chiarezza

Abbiamo promesso coerenza ed onestà. E non siamo cambiati.

Diceva Oscar Wilde «che se ne parli bene o che se ne parli male, l’importante è che se ne parli»! Condivido solo in parte. Dell’UVP si parla e questo è un dato oggettivo. Esattamente come lo è la nostra presenza sullo scacchiere politico valdostano, fatto riconosciuto peraltro anche da chi fino a pochi mesi fa ci vedeva come un fuoco di paglia e su di noi non avrebbe mai scommesso. Ebbene dell’UVP si parla, tra le forze del cambiamento con le quali si sancisce ogni giorno di più una grande sinergia nel lavoro svolto dagli eletti in Consiglio regionale ma anche nel portare avanti certi valori, certi ideali quali la libertà, la chiarezza, la trasparenza, la voglia di cambiare e la necessità di ripulire il tavolo. Ma dell’UVP si parla soprattutto nell’altra metà del campo. E qui voglio ribadire quanto già detto, anche in occasione del nostro Rendez-vous Progressiste, che non siamo disposti a fughe in avanti se queste presuppongono accordi sotto banco. Dialogare sempre e dialogare con tutti, ma facciamo attenzione. Non abbiamo promesso posti di lavoro, noi, non abbiamo promesso contributi, noi, non abbiamo nemmeno giurato che la crisi era una scusa, ma abbiamo promesso coerenza ed onestà. E non siamo cambiati. Lo spirito di solidarietà fa parte dell’anima valdostana, lo è sempre stato. Ma che non si confonda la necessità di trovare strategie e soluzioni concrete per non far crollare ancora più a picco la nostra comunità, con il ricorrere agli “inciuci”. Ricordiamoci che per ripulire il tavolo, non basta togliere le briciole (parola che purtroppo tanto si adatta alle problematiche finanziarie che la nostra Regione dovrà affrontare a breve!), ma bisogna scuotere la tovaglia.