Intervenire per il controllo dell’insediamento dei cormorani nelle nostre acque

L’attenzione per il patrimonio agrosilvopastorale caratterizza l’operato del gruppo consiliare UVP in Consiglio regionale. Oltre alla rilevante presenza di cinghiali e alla comparsa del lupo, il gruppo è dal 2014 che segnala ripetutamente il problema del sovrappopolamento di cormorani nel territorio valdostano e richiede interventi mirati a tutelare la fauna ittica.

La presenza massiccia di questa specie provoca numerosi problemi, soprattutto nel periodo invernale, in alcuni tratti della Dora e in alcuni torrenti laterali, alla fauna ittica valdostana. In particolare il cormorano sta portando all’estinzione del temolo. Pescatori e ambientalisti hanno ripetutamente richiesto di intervenire su questa problematica e il nostro Gruppo si è attivato per far sì che questo tema venisse affrontato, ma finora senza nessun riscontro.

Oggi apprendiamo che verranno svolti incontri con le categorie interessate da questo problema per condividere le linee d’azione da adottare.

Auspichiamo che questi incontri siano frutto di una condivisione, con tutti gli operatori e i soggetti istituzionali e non, per la definizione di un piano d’intervento con il coinvolgimento dell’ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) per arrivare al controllo numerico della specie cormorano e alla salvaguardia della biodiversità ittica.

 

Alessandro Nogara
Gruppo Consiliare UVP