COMUNICATO STAMPA – Concrètement Présents, avanti per il cambiamento.

L’Union Valdôtaine Progressiste, in merito alle pittoresche ricostruzioni di questi giorni, che tendono a dare una interpretazione bizzarra a fatti noti, facendo intendere che altri avrebbero condizionato le nostra scelte, tiene a ribadire con forza alcuni concetti, che per noi sono punti fermi, denunciando questo goffo tentativo di confondere i fatti, a pochi giorni dal voto . L’UVP ribadisce intanto, come peraltro è riportato dai verbali degli incontri politici dell’estate scorsa, e noti ai più, comprese le persone che oggi le interpretano, che non solo il passaggio che ha portato l’UVP al governo dell’ “Ultimo miglio” - ereditando i problemi del passato e impegnandosi a risolvere le enormi criticità trovate - è stato quello che ha dato la possibilità di esprimere un Governo a guida UVP, che altri rivendicavano, ma che è stato determinante anche per impedire un ritorno al passato. La nascita del Governo a presidenza Laurent Viérin, infatti, ha avuto come pregiudiziale una ferma richiesta di rinnovamento che ha di fatto evitato il ritorno di qualcuno nell’assumere qualsiasi tipo di incarico, mettendo da parte proprio chi aveva incarnato la degenerazione del sistema che l’UVP denunciò 5 anni fa, con scelte coraggiose. Fa quindi specie che si utilizzino interpretazioni di qualcuno, facendole passare come fatti. Nel riportare, peraltro, lo sfogo telefonico di chi si lamenta sulla conduzione della presidenza UVP, non si fa che confermare il fatto che questa viene criticata proprio perché evidentemente non condizionabile. L’UVP rimanda, quindi, al mittente ogni insinuazione e ricostruzione non corretta dei fatti , ricordando la nostra ferma volontà di proseguire nel processo di cambiamento iniziato proprio nell’”ultimo miglio” e che vogliamo portare a compimento dopo il 20 maggio.

Concrètement Présents. Il nostro programma #AlLavoroConVoi

Clicca e scopri il nostro Programma elettorale   L’Union Valdôtaine Progressiste si propone come forza alla guida delle Valle d’Aosta presentando un progetto ancorato a principi e ideali fermi, ma rinnovato nei contenuti e nella squadra. Un progetto partecipato, nato da un “pensatoio” di 100 persone, che punta ad un nuovo modello di Valle d’Aosta fondato su una visione al futuro che mira a ricostruire un’area politica che dia significato a una nuova Autonomia. Un progetto orientato alle riforme e al progresso, capace di rispondere con decisione e forza alle richieste di cambiamento e di rinnovamento che la comunità chiede. Projetons-nous vers l’avenir où notre millénaire Pays d’Aoste aura un rôle à jouer dans une Europe et un monde tourné vers le respect des femmes et des hommes, de leur parole, de l’environnement et de tout ce qui y vit.

L’équipe Progressiste – Concrètement Présents

  Projetons-nous vers l’avenir où notre millénaire Pays d’Aoste aura un rôle à jouer dans une Europe et un monde tourné vers le respect des femmes et des hommes, de leur parole, de l’environnement et de tout ce qui y vit.

Concrètement Présents

Al lavoro per voi

L’Union Valdôtaine Progressiste si propone come forza alla guida delle Valle d’Aosta presentando un progetto ancorato a principi e ideali fermi, ma rinnovato nei contenuti e nella squadra. Un progetto partecipato, nato da un “pensatoio” di 100 persone, che punta ad un nuovo modello di Valle d’Aosta fondato su una visione al futuro che mira a ricostruire un’area politica che dia significato a una nuova Autonomia. Un nuova Automomia orientata alle riforme e al progresso, capace di rispondere con decisione e forza alle richieste di cambiamento e di rinnovamento che la comunità chiede.     Clicca sull'immagine qui sotto per vedere il programma:  

Non si può ignorare il messaggio degli elettori

Ripartire dal cambiamento, su nuove basi, attraverso rinnovamento e messaggi diversi

Non si può ignorare il messaggio che i valdostani hanno voluto dare ed è importante, ora, che arrivino messaggi concreti di rinnovamento e contenuti diversi da parte di tutti. Da un lato le divisioni dell'area autonomista hanno favorito la vittoria di una forza politica nazionale, e la ricomposizione da noi proposta a giugno dell'anno scorso di tutto il fronte andava in questa direzione, ma non possiamo non considerare che gli elettori hanno voluto dare un segnale forte, che ora va preso in considerazione, agendo di conseguenza. Lavorare per unire, sì, ma occuparsi dei problemi reali dei valdostani, producendo proposte e soluzioni dai contenuti concreti e soprattutto cambiare metodi, che ancora fanno parte del vecchio sistema, metodi che abbiamo combattuto fin dall'inizio, e su questo ci impegneremo con forza per realizzare quel definitivo cambiamento per il quale abbiamo fatto, negli anni, scelte anche difficili. Da qui si riparte. E il primo segnale del cambiamento sarà nella composizione delle liste e nella forza dei programmi e delle idee proposte. Come UVP, infatti, non abbiamo mai rinunciato a questa azione di cambiamento ma abbiamo sicuramente pagato, sia in termini politici, sia umani, un prezzo alto ciò che abbiamo proposto . La nascita dell’UVP aveva, da subito, l’obiettivo di far emergere quell’autonomismo sano che è nella tradizione dei valdostani e che si stava perdendo in nome di una globalizzazione al ribasso di valori. La nostra specificità plurilingue e culturale è passata in secondo piano, in nome di un supposto modernismo snaturando in parte l’identità, unica nel panorama nazionale, della Valle. Abbiamo perso dei compagni di strada per perseguire il nostro obiettivo di “réunir” le sensibilità della parcellizzazione politica autonomista. Un obiettivo ambizioso che non sempre è riuscito a far passare in secondo piano personalismi e rivendicazioni di primogeniture e i cui inevitabili compromessi sono stati talvolta letti come un abbandono di principi. I valdostani, con la forte richiesta di cambiamento, con l’inequivocabile messaggio lanciato, non hanno abbandonato l’Autonomia, ma hanno voluto gridare che dobbiamo cambiare. Non ci hanno chiesto di dividerci ancora, per lasciare spazio a un vecchio modo di intendere l’Autonomia : anzi, ci spingono ancor più ad unire le forze che vogliono il cambiamento e abbandonare vecchi modi di fare politica. In anni passati la Valle d’Aosta è stata un vero laboratorio di idee ed incisive azioni amministrative: è il momento di attualizzare, in un mondo profondamente diverso, la lezione di allora, unendo le forze autonomiste in un programma di buon governo, caratterizzato dall’integrità e dall’etica, oltreché dalla competenza, e non solo dall’appartenenza. Non è dividendoci ancora in mille rivoli che difendiamo l’Autonomia: la forza di un’idea sta nell’essere uniti, pur nelle differenze, e nel saper isolare chi l’ha piegata a calcoli personali negandone così il valore di patrimonio di un popolo.

Laurent Viérin


Energia, coraggio e spirito di servizio

Envoyer un progressiste au sein du Parlement Italien!

Chers amis les Progressistes, l’année 2018 sera pour notre Mouvement, encore une fois, le rendez-vous des grands défis! On a réussi jusqu’à présent dans l’accomplissement de ce qu’on avait dans le coeur et dans l’esprit depuis le jour de notre naissance. On a d’abord bouleversé un système indigne pour le Pays d’Aoste et on l’a remplacé avec les énergies et les compétences progressistes. Nous avons su réunir les valdôtains dans le projet d’une grande Maison des Autonomistes, projet pas encore conclu et, à présent, chantier ouvert… bien sûr! Maintenant pour nous tous c’est le moment de l’action et de l’engagement. Engageons-nous pour le retour d’un autonomisme vivace et productif. Engageons-nous pour envoyer un progressiste qui soit à même de soutenir la lutte valdôtaine au sein du Parlement Italien. Engageons-nous pour Réussir! Sosteniamo Alessia in questo percorso che si presenta in salita ma che racchiude in sé la bellezza delle grandi sfide. Sosteniamo questa giovane donna, questa mamma, questa lavoratrice, facendola conoscere per le sue qualità più grandi che vanno al di là delle pur importanti competenze richieste per ricoprire questo ruolo, che di certo non le mancano! Mandiamo Alessia a Roma per la sua energia, per il suo coraggio, per suo spirito di servizio, per il suo amore per la libertà. Mandiamo Alessia a Roma perché laggiù serve qualcuno in cui la Valle d’Aosta dimori non solo nella testa ma abiti nel cuore. Uniamo le forze cari progressisti, mettiamocela tutta, insieme ce la faremo.

Un abbraccio, la vostra presidente,

Elisa Bonin

 

Visualizza il calendario dei comizi


Représenter efficacement la Vallée

Auprès du Gouvernement italien

Les suites de la crise économique générale, les changements rapides sur le plan démographique, social, culturel et identitaire, le bouleversement des cadres politiques traditionnels, caractérisent la réalité italienne actuelle.

Notre autonomie, notamment celle financière, est souvent mise en discussion et limitée par le transfert de compétences en faveur de l’Union Européenne mais également par l’incertitude et la criticité des rapports État-Région, qui ont modifié le principe fondamental de la répartition fiscale à la base de notre autonomie financière.

La dimension montagne avec ses contraintes et nécessités, le système de fédéralisme valdôtain assurant la territorialité des services publics, la subsidiarité et la péréquation, mais aussi la croissance économique et la création d’emplois, l’amélioration du cadre de vie et de travail, la spécificité socioculturelle et le plurilinguisme qui nous caractérisent, et qui représentent autant d’éléments que nous nous devons de continuer à considérer, sauvegarder et promouvoir, doivent pouvoir trouver des interprètes à même de les représenter efficacement auprès du Gouvernement italien, qui, dans la législature qui vient de terminer, s’est démontré disponible à l’écoute et avec lequel un dialogue constructif s’est établi, dans le but de résoudre les questios en suspens.

L’engagement des forces politiques qui se présentent unies dans la liste « Vallée d’Aoste » consiste donc à partager un projet politique pouvant continuer à représenter de la façon la meilleure, au niveau du Parlement italien comme au niveau de la Région, les exigences de la population valdôtaine, sans oublier l’héritage des luttes pour la liberté et la démocratie contre les régimes totalitaires, étant celles-ci des facteurs qui demeurent encore parmi les traits distinctifs fondamentaux de la Vallée d’Aoste et de son peuple.


La responsabilità di una grande sfida

Guardare al futuro con coraggio e volontà

È ufficiale! Abbiamo depositato questa mattina la documentazione per la partecipazione alle elezioni politiche. Insieme ad Albert Lanièce, candidato al Senato, corro per la Camera dei Deputati, per la lista Vallée d'Aoste. Accolgo questa importante sfida con profondo senso di responsabilità e con la consapevolezza della complessità che tale impegno richiede. Ho deciso di mettermi a disposizione perché credo nella militanza e sono profondamente convinta che le persone che si riconoscono in un ideale e in un movimento politico, debbano considerarsi strumenti a disposizione dello stesso. Ho deciso di mettermi a disposizione per la proposta politica che oggi governa la Valle d’Aosta e che si caratterizza con un’area autonomista, democratica, di centro-sinistra e progressista, capace di guardare al futuro assumendosi responsabilità nei confronti della nostra comunità. Ho deciso di mettermi a disposizione perché la condivisione di ideali, valori e percorsi con gli alleati sono la forza del nostro progetto, insieme ad un profondo radicamento nel territorio di cui siamo portavoce. Mi metto a disposizione con passione, umiltà e spirito di servizio per gli ideali autonomisti e federalisti in cui credo da sempre!  

Alessia Favre

 
Ci vediamo al comizio di apertura venerdì 02 febbraio all'auditorium Pont-Saint-Martin ore 21.00!
 

Le liste comunali sostenute da UVP

VALDIGNE

 La Salle  Lista Civica La Salle - Futuro Comune
 Morgex  Noi con Voi per Morgex

GRAND PARADIS

 Avise  Allez Avise
 Aymavilles  Lista Civica Aymavilles 2015
 Cogne  Tous pour Cogne Cogne pour Tous
 Introd  Alternativa per Introd - Alternative pour Introd
 Rhêmes-Nôtre-Dame  Rhêmes-Nôtre-Dame
 Rhêmes-Saint-Georges  Nos Idees sont les votres
 Saint-Nicolas  Pour/Per Saint Nicolas
Saint-Pierre Impegno e partecipazione
 Sarre  Insieme per Sarre
 Valgrisenche  Unis on Reussit
 Villeneuve  Travaillèn Eunsemblo Villeneuve

GRAND COMBIN

 Allein  Autonomie Communale pour le progres d’Allein
 Doues  Insieme per Doues
 Gignod  Vivre Gignod
 Roisan  Vivere/Vivre Roisan
 Saint-Oyen  Saint-Oyen - Travalli Eunsemblo
 Saint-Rhemy-en-Bosses  Saint-Rhemy-en-Bosses noi ci crediamo

MONT EMILIUS

 Brissogne  Pour le Pays Brissogne
 Charvensod  Insieme per/Ensemble pour Charvensod
 Fénis  Per Fénis/Pour Fénis/Pè Fèn-ic
 Gressan  Esprit Gressaen/Gressan nel Cuore
 Jovençan  Jovençan 2.0
 Nus  Nus
 Quart  Lista Civica Quart
 Saint-Christophe  Unis pour le Pays
 Saint-Marcel  Amministrare insieme/Administrer Ensemble

MONTE CERVINO

 Antey-Saint-André Noi per Antey/Nous pour Antey
 Chambave  Uniti per Chambave/Unis pour Chambave
 Chamois  Chez-moi c’est Chamois
 Châtillon  Lista Lanaro/Daudry
 Emarèse  Ensemble, insieme, insembio
 Saint-Denis  Saint-Denis Uni
 Saint-Vincent  Borgio e Treves e Saint-Vincent
 Torgnon  Il paese che vorrei… Torgnon
 Valtournenche  Valtournenche Breuil-Cervinia, terra cuore avvenire

EVANÇON

 Challand-Saint-Anselme  Pour le Pays Challand-Saint-Anselme
 Challand-Saint-Victor  Insieme per Challand-Saint-Victor
 Champdepraz  Insieme si può per il futuro di Champdepraz
 Issogne  Per Issogne, Pour Issogne e Pe Issouegne
 Verrès  Verrès per Tutti

MONT ROSE

Champorcher Champorcher Avant Tout
 Hône  Hône unis pour notre pays
 Donnas  Libertà e Partecipazione
 Pont-Saint-Martin  J’aime Pont-Saint-Martin
 Fontainemore  Il paese che vorrei, tradition et innovation

WALSER

Gressoney-Saint-Jean  Insieme con Gressoney, Zéeme Mé Greschòney
 Gressoney-La-Trinité  Per Trinité/Fer Z’Land

Comice d’Ouverture
élections municipales Aoste 2015

Aoste qui renaît, Aoste qui revient, Aoste qui revit. Aoste, capitale enfin d'une Vallée d'Aoste apaisée.

Ouverture

Lundi 20 Avril 2015

Aoste, Théâtre de la Ville, 20h45