Conseil des Jeunes Valdôtains

Le Président Rosset ouvre la première session du #ConsJeunesVdA

Ouverture officielle du premier Conseil des Jeunes Valdôtains

Intervention du Président du Conseil de la Vallée, Andrea Rosset
Madame la Présidente, Mesdames et Messieurs les Conseillers de la Valcéjinie, Chères et Chers collègues, C'est pour moi un grand honneur de vous donner la bienvenue, au nom du Conseil régional de la Vallée d'Aoste, dans cette salle qui vous accueillera pendant une semaine pour la première édition du Conseil des Jeunes Valdôtains. Emotion et fierté sont les deux sentiments qui traversent mon cœur aujourd'hui. Emotion, car le fait de voir autant de jeunes dans cette salle me donne un grand espoir. L'avenir du monde est entre vos mains et votre participation est l'exemple éloquent de votre intérêt pour les questions du monde. Votre présence est aussi le témoignage concret de votre volonté de faire exercice de démocratie par l'échange dialectique et le partage d'idées sur des problématiques politiques internationales, comme celles que vous avez choisies pour votre simulation, dont l'actualité est de toute évidence. Par ailleurs, grâce à la présence des délégations francophones de Wallonie-Bruxelles, Jura et Québec - que je remercie d'avoir fait le voyage pour être ici avec nous - vous aurez la possibilité de partager ce moment avec des jeunes d’origines diverses qui pourra faire naître des liens forts entre les nouvelles générations de l’espace francophone. Aujourd'hui, donc, vous allez prêter le serment de Conseillers de la Valcéjinie et vous allez devenir les représentants de cette région autonome fictive. Mais, vous êtes surtout, et cela n'a rien de fictif, les porte-parole de la jeunesse. Une jeunesse qui, par son engagement, sa créativité, sa force, son énergie, nous émotionne. Et nous rend fiers. Fierté, donc, parce que vous avez su faire face à ce défi d'organiser la première édition du Conseil des Jeunes Valdôtains et d'y participer. Et là, je tiens à remercier les chenilles ouvrières de cette organisation: l'association CJV et, surtout, Eloïse Villaz et Elizabeth Pastoret, qui ont mis toute leur âme et toute leur passion dans ce projet. Le défi n'était pas des plus faciles: organiser un événement de ce genre requiert un travail énorme, mais vous y êtes parvenus. Permettez-moi donc de remercier aussi toute mon équipe du Conseil régional, qui a travaillé en synergie avec les jeunes organisateurs en les soutenant dans cette magnifique aventure. Aujourd'hui, vous allez écrire une nouvelle page de notre démocratie, en l'enrichissant avec votre apport d'idées, avec votre fraîcheur et votre enthousiasme, avec votre diversité culturelle et humaine. Votre présence et votre engagement font honneur à toute la jeunesse. Et par ces mots, je déclare ouverte la première session du Conseil des Jeunes Valdôtains.

Former les jeunes: adultes du futur.

La remise des prix du concours éducatif « Impariamo a crescere insieme »

Lundi 5 juin a eu lieu la remise des prix du concours éducatif « Impariamo a crescere insieme » dans le cadre du projet La Commune à l’école. 21 classes de de 4e et de 5 e de l’école primaire, ainsi que de 2 e et de 3 e de l’école secondaire du premier degré. Le thème abordé a été : Cosa può rendere più bello e vivibile il mio Comune? Ispirazioni e buone pratiche per imparare a crescere insieme. Les élèves ont présenté leurs réflexions sous forme de reportages, de chansons, de vidéos et d’applications tridimensionnelles ainsi que de documents papier ou multimédia. Le jury du concours a évalué les contenus didactiques, la créativité et la capacité d’expression de ceux-ci et a tenu à souligner la grande qualité des travaux, l’engagement des participants et les remarquables résultats obtenus. Le Président du Conseil de la Vallée Andrea Rosset a souligné que l'Assemblée régionale a adhéré avec grande conviction à cette initiative et il ne saurait en être autrement : parce que nous croyons dans les jeunes, nous croyons dans les Administrations locales qui se placent à côté de leurs citoyens et nous croyons dans l'école qui contribue à former ceux qui seront les adultes du futur. Le concours a été organisé par la Présidence de la Région, l’Assessorat de l’éducation et de la culture, le Conseil régional de la Vallée d’Aoste et le Consortium des collectivités locales de la Vallée d’Aoste. Cette initiative s’inscrit dans le contexte des Rendez-vous citoyens, activités prévues par la loi régionale n. 6 du 16 mars 2006, en vue de promouvoir les valeurs de la participation civique sur le territoire. Les vainqueurs Catégorie Ecole primaire : classes 4e A et 5e A de Saint-Marcel Catégorie Ecole secondaire du premier degré : Classe 2e F de Brusson Catégorie Classes 3e école secondaire du premier degré : classe 3e C de Aoste (I.s. San Francesco)

Karina Atkinson è la vincitrice del Premio internazionale “La Donna dell’Anno”

Il Consiglio Valle ha organizzato la XIX° edizione del Premio

Il Consiglio Valle, con il suo Presidente Andrea Rosset, ha organizzato la diciannovesima edizione del Premio internazionale dedicato a valorizzare il ruolo delle donne nella società, nella cultura, nel mondo del lavoro, nella politica, nella comunicazione, nelle arti e nello spettacolo. La consegna è avvenuta, mercoledì 31 maggio 2017, al Centro congressi del Grand Hôtel Billia di Saint-Vincent. Karina Atkinson, biologa scozzese, ha sottratto all’agricoltura industriale intensiva un’area del Paraguay ricca di biodiversità in via di estinzione, creando la riserva naturale protetta di Laguna Blanca, meta di studiosi da tutto il mondo e fonte di reddito e sviluppo per la popolazione locale. La vincitrice, scelta tra una rosa di nomi proposti da associazioni e ONG di tutto il mondo, ha ricevuto un contributo economico di 20 mila euro, che è vincolata a impiegare nel completamento del progetto per cui è stata selezionata. La Giuria del Premio, presieduta dal Presidente del Consiglio Valle Andrea Rosset e composta dalle Consigliere regionali Patrizia Morelli e Emily Rini, dalla Consigliera del Soroptimist international Club Valle d'Aosta Maria Paola Battistini Varda, dalla referente di Libera Valle d'Aosta Donatella Corti, dalla Capo redattrice del settimanale "Donna Moderna" Liliana Di Donato, dal Direttore dell'Ufficio di Informazione in Italia del Parlamento Europeo Gian Paolo Meneghini, dall'Assessore alla pubblica istruzione del Comune di Saint-Vincent Lucia Riva e dal Direttore Generale della Radiotelevisione di Stato della Repubblica di San Marino Carlo Romeo, ha così motivato la propria scelta: «Da Glasgow, dove ha compiuto i suoi studi, a Laguna Blanca, dove li ha messi a frutto, Karina ha realizzato un sogno, concretizzando un modello di riferimento, in cui ricerca scientifica e innovazione non si sono mai scissi dall'impegno sociale. Karina Atkinson ha incarnato il valore del "dovere" quando, insieme alla comunità locale, ha trasformato un ambiente naturale, sul quale pesava un grave rischio di speculazione economica, in una riserva ricca di biodiversità, anche a vantaggio della crescita delle popolazioni residenti. Il percorso è ancora lungo e difficile e questo Premio vuole essere un incentivo a proseguire con forza e tenacia. Nell'animo di Karina, le sfaccettature del "dovere" si declinano in caparbietà, abnegazione, coraggio, solidarietà, tutela dell'ambiente, integrazione.» Anche quest'anno è stato coinvolto attivamente il pubblico, che ha potuto votare via web la propria finalista preferita per l’attribuzione del “Premio popolarità”, del valore di 15 mila euro. A vincerlo, con il 48% di preferenze, è stata Alessandra Farris, imprenditrice sarda che, per aiutare i genitori sordi, ha creato la start up IntendiMe, un innovativo sistema rivelatore di suoni che consente ai non udenti di superare la loro “disabilità invisibile”. La terza finalista, cui sono andati 10 mila euro, è stata Monika Hauser, medico che ha dedicato la sua vita a curare e sostenere le donne vittime di violenza sessuale nei conflitti di tutto il mondo, dalla Bosnia all’Afghanistan, e si batte affinché le politiche europee contrastino questa pratica bellica e includano lo stupro in guerra nelle motivazioni che danno diritto all’asilo. «Per questa diciannovesima edizione, abbiamo scelto il tema del dovere - evidenzia il Presidente del Consiglio Valle, Andrea Rosset - perché è un concetto alla base della convivenza civile. Ma è anche un valore morale che si realizza nei confronti del prossimo attraverso il rispetto e la solidarietà, il sacrificio e l'altruismo. Le donne che abbiamo conosciuto quest'anno hanno concretizzato questo valore etico, hanno saputo guardare oltre il loro orizzonte dando vita a progetti straordinari per abbattere barriere, promuovere i diritti umani, valorizzare uno sviluppo sostenibile.» Nel corso della serata, il Soroptimist international Club Valle d'Aosta ha consegnato un riconoscimento di 2.500 euro a Elisabetta Rossi, impegnata contro la fame in Eritrea con il progetto Moringa Oleifera, pianta ad alto potenziale nutritivo e a bassa necessità idrica. Il riconoscimento è stato consegnato dalla Presidente del Soroptimist valdostano, Wally Orsi, unitamente alla Consigliera Maria Paola Battistini Varda e alla segretaria e Presidente dell’Unicef Valle d’Aosta Ester Bianchi Trasino, con la seguente motivazione: «Donna dotata di grande sensibilità, Elisabetta Rossi ha voluto dare un valore aggiunto ad una scelta di vita già impegnativa come quella di medico cardiologo. Lo ha fatto in una terra povera, che vive momenti drammatici e che, secondo l’ultimo rapporto dell'ONU, è teatro di “gravi e diffuse violazioni dei diritti umani”. Il suo assiduo impegno umanitario, la lotta contro la malnutrizione e il miglioramento delle condizioni di vita della popolazione, in primis delle donne, considerate vere e proprie pietre angolari della famiglia e della società, fanno di lei il Premio Soroptimist ideale.» Infine una speciale Targa di Donna Moderna, media partner del Premio, è stata consegnata all’imprenditrice sarda Alessandra Farris dalla direttrice del settimanale Annalisa Monfreda. «Fra le 3 finaliste del 19° Premio internazionale "Donna dell'Anno" abbiamo scelto di assegnare la targa speciale Donna Moderna ad Alessandra Farris per il coraggio con cui ha lanciato la start up IntendiMe e per la determinazione con cui sta portando avanti l'innovativo progetto di un rilevatore universale di suoni per le persone non udenti - dice il direttore del magazine Annalisa Monfreda -. Alessandra ha saputo trasformare una dolorosa esperienza personale in uno stimolo ad agire per aiutare tutti coloro che, come i suoi genitori, convivono ogni giorno con la disabilità invisibile della sordità. La targa di Donna Moderna vuole essere un riconoscimento per i traguardi che questa giovane imprenditrice italiana ha già raggiunto e un incoraggiamento a realizzare nuovi obiettivi.» La cerimonia di consegna è stata condotta dall'attrice Paola Corti, direttore artistico del Premio, in una formula che ha intrecciato il realismo delle storie narrate dalle finaliste con l'armonia del coro di voci bianche Canto Leggero diretto da Luigina Stévenin e le note della cantautrice Esmeralda Sciascia, accompagnata da Federico Puppi al violoncello, Maurizio Amato al basso, Manuel Pramotton al sassofono, Marco Giovinazzo alle percussioni, Federico Monetta al pianoforte e Giacomo Reggiani alla batteria. Madrina d'eccezione di questa edizione del Premio è stata la campionessa di sci alpino Federica Brignone, che ha testimoniato i valori dell’impegno, della passione, della dedizione nello sport incarnati, in campo sociale, dalle finaliste del Premio. Il Premio è stato promosso dal Consiglio regionale della Valle d'Aosta, in collaborazione con il Soroptimist international Club Valle d'Aosta e il Comune di Saint-Vincent, con una Medaglia del Presidente della Repubblica, il patrocinio della Camera dei Deputati, della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, e del magazine femminile Donna Moderna in qualità di media partner. (Comunicato Ufficio Stampa del Consiglio)

Il Welfare Valdostano

A piccoli passi verso un progetto concreto

Nei giorni scorsi, il Presidente dell’Unité des Communes Grand-Combin, ha reso pubbliche le criticità relative al servizio di assistenza agli anziani, che vive nel suo territorio: un grido di allarme che sotto il profilo politico raccolgo con la massima attenzione perché conferma la necessità di concludere, nel più breve tempo possibile, il confronto in atto per dare concretezza e contenuti al progetto di riforma del welfare valdostano. L'Unité des Communes Grand-Combin dimostra, in modo oggettivo, gli effetti di una errata pianificazione fatta nel passato rispetto al rapporto posti letto/popolazione residente che oggi si ripercuote sui costi di gestione dei Comuni facenti parte dell’Unité e le criticità dell'attuale modello di gestione di questo servizio. Dal 10 marzo 2017, giorno del mio insediamento presso l’Assessorato alla Sanità, Salute e Politiche Sociali, mi sono fatto carico in continuità con il lavoro dell'Assessore Laurent Viérin che mi ha preceduto, delle conseguenze derivanti dai tagli al bilancio di inizio legislatura che mi sento di affermare, forse più in questo che in altri settori, hanno avuto una ricaduta diretta su tutta la popolazione. In questo senso, ritengo molto importante che, nel bilancio 2017/2019, sia stata garantita una copertura finanziaria costante al fabbisogno sanitario e sociale per la nostra Regione, scelta politica che si è posta in netta controtendenza con l'operazione di forzato prelievo degli avanzi di amministrazione degli enti locali fatti in precedenza. È altrettanto chiaro che, in una dinamica di fabbisogni crescenti e sempre più articolati in tutti i settori, il confronto politico sulle priorità di intervento è aperto a tutti i livelli. Nei giorni scorsi, ho avuto modo di incontrare i Segretari generali delle forze sindacali valdostane per presentare una visione delle politiche sociali e sanitarie e per procedere rapidamente nel progetto di riforma del welfare. Un incontro importante, giudicato utile per avviare insieme, e nei tempi previsti (a partire dal 1° gennaio 2018), il nuovo modello di gestione delle politiche per gli anziani, come deciso il giorno 8 novembre 2016. Sarà mia cura incontrare nei prossimi giorni con lo stesso intento la V commissione consiliare e l’Associazione Unité des Droits. La proposta sulla quale lavoreremo e che ho verbalmente anticipato al CdA del CPEL ed ai Presidenti delle Unités, vuole conseguire gli impegni da tutti assunti per la riforma del welfare. L'obiettivo è di riunire in un'unica azienda pubblica le politiche di programmazione e gestione di assistenza agli anziani, tenendo in considerazione la necessità di valorizzare, in una visione federalista, l'esperienza maturata dagli amministratori e dipendenti e degli enti locali, nonché gli investimenti dagli stessi prodotti in tanti anni di gestione. Abbiamo presentato a questo proposito un sintetico documento affinché si possa iniziare un proficuo e definitivo confronto per poi assumere insieme le opportune decisioni. Credo e spero che si possa affrontare questa importante fase di riorganizzazione con tranquillità e serietà e ponendosi come unico obiettivo il bene dei nostri anziani e delle persone che lavorano con dedizione all'interno delle strutture, prestando ascolto alle preoccupazioni esternate dagli amministratori degli enti locali, sempre più inquietanti per il futuro dei loro enti. Non è il momento delle strumentalizzazioni politiche di parte, ma quello della collaborazione e del lavoro comune. L’Assessore alla Sanità, Salute e Politiche Sociali Luigi Bertschy

A proposito della modifica della legge elettorale

Governabilità e segretezza del voto sono i punti cardine.

Come sa chi ha seguito le fasi politiche della costituzione della nuova maggioranza che ha posto fine alla presidenza pluriennale di Augusto Rollandin, uno dei punti fondamentali dell’accordo di programma è stato la modifica della legge per l’elezione del Consiglio Valle. Tale modifica si rende necessaria essenzialmente per due motivi condivisi dai gruppi che hanno dato vita al nuovo governo e precisamente: assicurare governabilità introducendo un premio di maggioranza garantire la segretezza del voto al momento dello spoglio delle schede. A tale scopo si è costituito all'interno del Conseil de Direction del nostro movimento un gruppo di lavoro per definire le modifiche necessarie a perseguire gli scopi prefissi e che ha così individuato le varie possibilità: premio di maggioranza a 21 seggi da attribuire al primo turno alla lista o alla coalizione che abbia raggiunto il 40% dei voti, con conseguente eliminazione del doppio turno; qualora nessuna lista o coalizione raggiunga il 40% la suddivisione dei seggi avverrà con il metodo proporzionale spoglio delle schede non più nelle singole sezioni, ma in una o più sedi centralizzate in moda che non sia identificabile la sezione di provenienza della scheda. Quanto alla discussa questione della rappresentanza di genere, a nostro avviso, la legge attuale garantisce che almeno il 20% dei candidati debba essere di genere diverso, lasciando alla sensibilità dei vari movimenti o partiti aumentare tale percentuale. Inoltre conveniamo che la modifica contemplata nel punto a garantisca sufficientemente la rappresentatività del Consiglio in quanto il premio di maggioranza è ridotto e se gli elettori si esprimessero in maniera più eterogenea, non raggiungendo il 40%, nessun movimento o lista verrebbe garantita con il metodo proporzionale, la rappresentatività di tutti.   Nello Fabbri Consigliere regionale  

Misure urgenti per il rilancio dell’agricoltura 

A fronte della grave situazione in cui versa il settore agricolo valdostano ho annunciato oggi la presentazione di un "Pacchetto di misure urgenti per il rilancio dell'agricoltura", per rilanciare sin da subito il settore. Un pacchetto che verrà varato in una giunta straordinaria ad inizio della prossima settimana. Si tratta di importanti disposizioni da mettere subito in campo e che recepiscono le istanze delle categorie intervenendo su due assi principali. La riapertura degli anticipi su diverse misure, assieme allo spostamento del termine di restituzione che era al 30 giugno 2017 portandolo all'anno prossimo, attraverso norme migliorative. Il secondo asse riguarderà importanti modifiche al PSR che vanno nell'ottica di venire incontro alle esigenze reali del mondo agricolo e maggiormente funzionali ad un sostegno e ad un reale utilizzo dei fondi messi a disposizione. Tutto questo per dare risposte immediate a questo settore che soffre e che è in crisi. Laurent Viérin Assessore all'Agricoltura e alle Risorse Naturali della Regione Autonoma Valle d'Aosta

Célébrés les anniversaires de l’Autonomie et du Statut spécial

Bonsoir et merci d'être ici à célébrer la Fête de la Vallée d'Aoste, la Fête de notre Autonomie et de notre Statut spécial. Merci pour partager avec nous la joie d'applaudir les nouveaux Chevaliers et Amis qui vont être décorés d'ici peu. Une cérémonie qui partant du passé nous permet de renouer nos liens avec le patrimoine historique et politique de notre histoire pour nous projeter au-delà du présent et pour regarder au futur avec de nouvelles perspectives. Une cérémonie qui nous rappelle ce patrimoine d'idéaux qui porta à la Libération et dont découla notre Autonomie valdôtaine. Un juste hommage doit donc être rendu aujourd'hui à ces hommes et à ces femmes qui ont eu le courage de résister à l'oppression, qui ont eu l'audace de lutter pour rendre à la Vallée d'Aoste et aux Valdôtains ces libertés civiles fondamentales et pour bâtir une nouvelle ère de coexistence démocratique. Fiers, courageux, engagés, visionnaires. Tels étaient ces hommes et ces femmes. Fiers de leur identité violée par une dictature uniformisatrice. Courageux de défendre leurs droits en dépit de leur vie même. Engagés dans l'élaboration d'un projet politique nouveau. Visionnaires dans leur capacité d'en ressentir les potentialités. Autant de sentiments qui encore aujourd'hui devraient être à la base de notre action en faveur de la Vallée d'Aoste. Allora oggi, nel momento in cui ricordiamo la promulgazione del nostro Statuto speciale, facciamo nostri questi sentimenti. Ritroviamo il coraggio della nostra identità di Valdostani, riscoprendo quei valori che hanno marcato la nostra comunità. Valori quali l'amore per la nostra terra e per la nostra cultura, valori quali il rispetto, la tenacia, la fierezza, l'audacia, il senso del dovere, la solidarietà, l'accoglienza. Rinnoviamo quel senso di appartenenza ad un popolo di montagna, fiero del proprio particolarismo, ma che ha saputo aprirsi e vuole continuare ad aprirsi al mondo. Perché essere Valdostani non significa rinchiudersi in un avaro localismo, ma è avere la consapevolezza delle proprie radici per meglio confrontarsi con gli altri ed essere preparati alle sfide contemporanee. Ritroviamo la consapevolezza della nostra Autonomia. Ricordiamo il sacrificio dei nostri padri per ottenere l'Autonomia. Un'Autonomia che, negli anni, abbiamo saputo dimostrare - e lo dico con tutta l'umiltà necessaria - di meritare. Perché il nostro sistema di autogoverno è stato laboratorio di tutela e di sviluppo del territorio, di garanzia e di qualità dei servizi essenziali, di valorizzazione del patrimonio culturale, di promozione della democrazia di prossimità. Perché per noi Valdostani, Autonomia ha sempre significato assunzione di responsabilità e non concessione di un privilegio. La responsabilità di assumere delle decisioni per il proprio territorio e per la propria gente e farsene carico. Nel bene e nel male. A chi oggi guarda al nostro sistema autonomista e alla nostra specialità con il sospetto con cui si guarda alle eccezioni, noi dobbiamo dire che la nostra eccezione dovrebbe diventare regola. Perché ispirata alla rappresentatività territoriale, alla gestione responsabile delle nostre risorse, del nostro territorio, delle nostre istituzioni. Infine, ritroviamo nell'Autonomia la capacità di visione che hanno avuto i nostri padri fondatori. Capacità di visione per interpretare le esigenze di un mondo che si trasforma continuamente e a grande velocità e che dopo la crisi economica non sarà più lo stesso. A noi spetta la capacità di reinventare un modello sempre meno fondato sull'intervento pubblico e sempre più orientato alla valorizzazione del capitale umano e imprenditoriale. Non abbiamo bisogno di grosse imprese, abbiamo bisogno, invece, di dimostrare di essere capaci di fare rete tra territorio, servizi, prodotti, attività e sapere. Investire, insomma, sul valore della nostra terra, della nostra identità. Reinventare un modello significa puntare sui giovani, sul loro entusiasmo e sulle loro competenze. Un coinvolgimento che deve cominciare dalle Istituzioni, sia sul fronte della formazione scuola-lavoro, sia sotto il profilo dell'educazione alla cittadinanza attiva. Ma per reinventare ci vuole anche una nuova visione politica. Una visione concreta e realista. Capace di analizzare le criticità per trasformarle in opportunità. Capace di affrontare concretamente i problemi senza nasconderli. Capace di essere realista nelle sue scelte senza alimentare false illusioni. Una visione che per attuarsi ha bisogno di solidità. Il momento è difficile, le lacerazioni all'interno del Consiglio regionale sono evidenti, ma credo che la politica abbia il compito e il dovere morale di concentrarsi sui problemi della comunità superando le divisioni e i personalismi. La democrazia si sostanzia proprio nella capacità di promuovere un dibattito reale tra sensibilità diverse, che si riconoscono comunque in un reciproco rispetto e dovere di ascolto. Un rispetto e un ascolto che, attraverso una mediazione, trovano delle sintesi per risolvere i problemi, per rispondere alle attese dei cittadini, per approvare delle leggi giuste. Ritroviamo quindi lo spirito dei padri fondatori della nostra Autonomia per riscoprire quella capacità di costruire, di essere propositivi e positivi. Quella capacità che consenta ai nostri concittadini di ritrovare fiducia, speranza e concretezza. Nous le devons à notre Autonomie. Pour qu'elle soit de plus en plus une Autonomie du devenir, une Autonomie dynamique, participée et transparente. Une Autonomie comme idéal de liberté, d'auto-gouvernement, de justice et de solidarité. Autonomie comme facteur de protection de notre territoire, de notre particularisme, de nos langues et de nos cultures. Vive l'Autonomie Vive la Vallée d'Aoste!

Riconoscere il Caregiver Familiare

Per Caregiver familiare si designa colui che volontariamente e gratuitamente si prende cura di una persona cara consenziente in condizioni di non autosufficienza a causa dell'età, di una malattia o o una disabilità. Esiste oggi una possibilità di riconoscere e tutelare da un punto previdenziale sanitario e assicurativo questa figura e se ne sta dibattendo a livello nazionale attraverso un disegno di legge e che vede come prima firmataria la Senatrice Bignami. Ritengo fondamentale che anche la Valle d'Aosta debba fare sentire la sua voce. In questo senso questa mattina ho depositato una risoluzione in Consiglio Regionale, nata dalla collaborazione e dalle istanze del coordinamento disabilità della Valle d'Aosta, ed in particolare grazie al grande lavoro del suo Presidente, Corrado Adamo, che possa lanciare il nostro sostegno a questa iniziativa con un impegno delle Istituzioni valdostane e sollecitare a Roma l'approvazione del disegno di legge che è nella sua fase finale. Una risoluzione che è stata accolta da tutti i gruppi e che lancia un messaggio molto importante per sostenere una misura fondamentale per il sollievo e l'aiuto delle famiglie, ricordando che l'Italia è uno dei pochi paesi in Europa che non lo ha ancora riconosciuto. #WelfareVda Laurent Viérin  Assessore alla Sanità, Salute e Politiche sociali della Regione Autonoma Valle d'Aosta

Intervenire per il controllo dell’insediamento dei cormorani nelle nostre acque

L’attenzione per il patrimonio agrosilvopastorale caratterizza l’operato del gruppo consiliare UVP in Consiglio regionale. Oltre alla rilevante presenza di cinghiali e alla comparsa del lupo, il gruppo è dal 2014 che segnala ripetutamente il problema del sovrappopolamento di cormorani nel territorio valdostano e richiede interventi mirati a tutelare la fauna ittica. La presenza massiccia di questa specie provoca numerosi problemi, soprattutto nel periodo invernale, in alcuni tratti della Dora e in alcuni torrenti laterali, alla fauna ittica valdostana. In particolare il cormorano sta portando all’estinzione del temolo. Pescatori e ambientalisti hanno ripetutamente richiesto di intervenire su questa problematica e il nostro Gruppo si è attivato per far sì che questo tema venisse affrontato, ma finora senza nessun riscontro. Oggi apprendiamo che verranno svolti incontri con le categorie interessate da questo problema per condividere le linee d’azione da adottare. Auspichiamo che questi incontri siano frutto di una condivisione, con tutti gli operatori e i soggetti istituzionali e non, per la definizione di un piano d’intervento con il coinvolgimento dell’ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) per arrivare al controllo numerico della specie cormorano e alla salvaguardia della biodiversità ittica.   Alessandro Nogara Gruppo Consiliare UVP

Gli auguri del Presidente del Consiglio Valle Andrea Rosset

In occasione delle festività di fine anno, il Presidente Andrea Rosset formula, a nome suo personale e del Consiglio regionale della Valle d'Aosta, i migliori auguri per il 2017. «Une année 2017 qui confirmera nos politiques en faveur de la personne, de l'emploi et de la croissance économique, conscients comme nous sommes de l'importance de valoriser nos atouts et nos talents, pour que notre Vallée d'Aoste avance et pour que notre communauté retrouve l'espoir et la confiance. Vi è la consapevolezza delle difficoltà che la nostra comunità sta ancora vivendo a causa del perdurare della crisi a livello nazionale ed europeo. In questo clima, vorrei rassicurare i cittadini riguardo al lavoro del Consiglio regionale, che resta volto al rigore, alla trasparenza e all'efficacia. Perché in Consiglio regionale, con visioni politiche e con apporti di idee diversi, siamo tutti impegnati per migliorare la Valle d'Aosta. Con lo stesso sguardo attento al rispetto della persona, alla valorizzazione della diversità, alla promozione di uno sviluppo sostenibile e responsabile, che tiene conto delle piccole come delle grandi cose. Il nostro compito di rappresentanti dei cittadini è quello di umanizzare la pubblica amministrazione, di risolvere i problemi attraverso indirizzi che guardino contemporaneamente al bene comune e alla correttezza dell'operato. Non si deve mai dimenticare che le leggi sono a servizio dei cittadini, dei loro diritti ma anche dei loro doveri: da una parte, quindi, ci vogliono leggi chiare che diano certezze e, dall'altra, ci vuole buon senso nell'applicarle. Ed è questo lavoro che ci impegniamo a portare avanti. Desideriamo un Consiglio sempre più vicino alla gente e proprio in quest'ottica lavoreremo nel 2017, aprendo le porte all'intera comunità, avendo sempre un occhio di riguardo per le giovani generazioni alle quali guardiamo come un vasto insieme di potenzialità, di chances, di opportunità da valorizzare per rispondere alle sfide future. Buon anno, Bonne année et Treinadan!»

Forte di Bard:

implementare il rapporto con il territorio, modificare la composizione del CdA attraverso il coinvolgimento delle associazioni economiche. sviluppare gli investimenti per completare le infrastrutture mancanti.

Nel corso dell’ultimo Consiglio regionale, in cui è stato approvato il bilancio regionale, è stato presentato dal gruppo consiliare UVP, insieme a SA e PNV, un ordine del giorno riguardante le azioni di sistema da avviare sul Forte di Bard. ll Forte di Bard a seguito di un’importante intervento di recupero conservativo è stato adibito a polo museale e opera sul territorio della Bassa Valle d’Aosta dal 2006. L’Associazione Forte di Bard, a cui è stata affidata la gestione dell’opera, ha delineato, in fase di avvio, i suoi obiettivi prioritari: la definizione di un nuovo modello di sviluppo turistico e il rilancio dell'economia della Bassa Valle d'Aosta attraverso la promozione, nel mondo, dell'intero sistema turistico regionale. Il Forte di Bard in questo decennio di apertura ha incrementato il numero di visitatori e ha garantito il livello occupazionale del personale coinvolto, attraverso importanti investimenti pubblici che hanno permesso di rendere attrattiva l’immagine del Forte. Tale sviluppo però non si è concretizzato con la stessa intensità e gli stessi risultati per le zone circostanti, come ad esempio il borgo di Bard e di Donnas o con le attività commerciali dei paesi della bassa valle che ne sono state coinvolte molto marginalmente. A un decennio di attività dell’Associazione è fondamentale valutare le azioni e le iniziative avviate e aprire una seconda e nuova fase al fine di favorire un maggiore raccordo tra territorio e Forte, che permetta una completa realizzazione degli investimenti pubblici e che crei nuove prospettive di crescita future per la Bassa Valle e per la nostra Regione. In linea con le azioni avviate in questa fase politica nuova, in una visione coinvolgente e partecipata dell’amministrazione pubblica è necessario, anche per questa Associazione, operare scelte che sviluppino un diverso modello di governo. L’istanza approvata dal Consiglio, segue tale indirizzo, che prevede la modifica della composizione del CdA dell’Associazione attraverso il coinvolgimento di associazioni o istituzioni e rappresentanti del settore economico di riferimento. Una modifica che prenderà in esame anche la possibilità di non mantenere, come attualmente previsto dallo Statuto, l'obbligo della presenza nel CdA del Presidente della Regione. Inoltre è fondamentale, come definito al 27° punto del programma di governo, al fine di favorire l’auspicato sviluppo economico sinergico del Forte e del territorio circostante, prevedere interventi infrastrutturali, parcheggi, riapertura della Strada Romana, già ipotizzati negli anni passati, ma che oramai sono diventati indispensabili e vitali. Il Capogruppo UVP Luigi Bertschy  

Rilanciare il welfare valdostano

Rapport annuel 2016

Ecco il bilancio di 6 mesi di lavoro e attività nel welfare valdostano e nel nostro sistema sanitario, tracciato in alcuni spunti, messi in atto per rilanciare questo importante e delicato settore, cruciale per la nostra comunità. Un settore dove l'approccio non può essere esclusivamente economico, perché vede al centro la persona, e per questo deve vedere considerati gli investimenti come tali, e non come semplice spesa. Rapport annuel 2016 - Laurent Viérin Laurent Viérin Assessore alla Sanità, Salute e Politiche Sociali della Regione Autonoma Valle D’Aosta