Lavorare per il bene della Valle d’Aosta

Pensare con energia e vigore al futuro

Pertini ricordava spesso come un errore degli intellettuali fosse quello di identificare la “cultura” con la propria cultura, la “morale” con la propria morale e “l’ideologia” con la propria ideologia.

Fu un grande Presidente. Illuminato. Integerrimo. Capace di parlare al cuore della gente con semplicità e di perseguire risultati con coerenza e in fatti concreti.

Di questo abbiamo bisogno.

Di questo ha bisogno la nostra comunità. Di poter ancora avere fiducia nella politica e nella classe dirigente e per farlo serve impegno, servono risultati, serve lavoro.

Non di Catoni censori, né di prediche messe in bocca a chi ha un suo percorso già piuttosto scritto e sembra parlare per acredine personale, nè tanto meno di slogan elettorali iniziati prima del tempo.

Non ha bisogno la Valle d’Aosta di altri scandali giudiziari che offuschino ancora l’immagine di una comunità come la nostra che merita invece rispetto. Lo stesso rispetto che meritano le istituzioni delle quali purtroppo si è un po’ perso il senso.

Sta a noi chiederlo ma sta anche a noi dimostrare di meritarlo.

I progetti politici si giudicano dai fatti, le persone dal proprio lavoro.

Per questo credo sia il tempo di dimostrare, tutti insieme noi autonomisti, che le scelte fatte sono quelle giuste, sostenendo con senso di responsabilità il percorso intrapreso per risolvere con coraggio e lungimiranza uno ad uno i dossier che servono alla nostra Regione per ripartire.

Senza alcuna pretesa di avere ragione, mi piace pensare ad una Valle d’Aosta che non dimenticherà l’importanza di difendere la nostra autonomia, valorizzando in primis la nostra identità di popolo e l’importanza della nostra autenticità linguistica, per non consegnare il futuro della nostra comunità ai facili populismi o alla scontata voce di protesta, che come abbiamo avuto modo di vedere, al momento di condividere scelte importanti, sceglie la via dello stare all’angolo piuttosto che “sporcarsi le mani” lavorando.

Voglio credere che i valdostani siano “à même” di riprendersi in mano la battaglia dei propri diritti con l’onestà intellettuale di ammettere che tutti abbiamo delle responsabilità per quello che è stato ma che è arrivato il momento di ripartire anche rivedendo i nostri doveri. Doveri per dirci autonomisti per prima cosa.

Occorre ammettere credo, che oggi di giudizi facili non se ne fa nulla ma servano piuttosto impegno, proposte e facce nuove.

Serve una squadra compatta che al fianco dei nostri Amministratori e rappresentanti in Consiglio lavori con il territorio su un progetto di sviluppo della Valle d’Aosta concreto ma al tempo stesso intriso di valori e ideali.

Serve ora pensare con energia e vigore al futuro avendo il coraggio di tagliare con quanto in passato non ha fatto del bene alla res publica né ha lavorato in nome della nostra comunità.

Per questo noi ci siamo e siamo al lavoro!

Réunir Réussir

Alessia Favre