La maggioranza soffoca il dibattito consiliare

Disatteso il confronto sui temi che riguardano il futuro della comunità

Durante la seduta consiliare di mercoledì 11 luglio 2018, i gruppi di opposizione hanno presentato tre istanze di attualità rispetto a questo inizio di XV Legislatura.

Una prima risoluzione era volta a impegnare la Presidente della Regione a riferire in prima Commissione in merito agli incontri istituzionali previsti a Roma in questi giorni e preannunciati sui giornali; una seconda iniziativa intendeva coinvolgere l’intero Consiglio regionale nell’individuazione dei criteri di scelta dei membri di parte regionale all’interno della Commissione paritetica Stato/Regione, organismo che ricopre un ruolo fondamentale per l’attuazione dello Statuto Speciale; la terza istanza voleva, infine, impegnare la Presidente della Regione, in quanto massima rappresentante delle Istituzioni regionali, ad un approccio comunicativo più sobrio rispetto alle tematiche che riguardano l’intera comunità valdostana.

Dopo aver richiesto una sospensione dei lavori del Consiglio, durata quasi un’ora e mezza, la maggioranza è rientrata in Aula e, con un comportamento e un’arroganza inauditi, ha votato la non iscrizione dei punti di cui sopra senza fornire alcuna motivazione.

Tutto ciò con la complicità silenziosa del Presidente del Consiglio che, invece di tutelare l’Aula, ha permesso alla maggioranza con un blitz senza precedenti di assumere questo comportamento antidemocratico, il quale maschera la debolezza della compagine governativa che, ad appena quindici giorni dal suo insediamento, non avrebbe avuto i tanto decantati diciotto voti.

Le forze di opposizione di UV, UVP, M5S e IC sono pertanto molto preoccupate e stigmatizzano questi atteggiamenti di forza tesi a soffocare il dibattito consiliare inerente temi che riguardano il futuro dell’intera comunità valdostana.