Conclusa la prima fase del Rassemblement

Lavorare per costruire ponti e guardare al futuro

Durante tutta l’estate si sono svolti incontri tra UVP-UV-Mouv’-Alpe  per lavorare al progetto del Rassemblement con il fine di superare le frammentazione politica dell’area Unionista, Federalista, Autonomista. Prendiamo atto che nei giorni scorsi Alpe ha lasciato il tavolo del Rassemblement bocciando un documento a cui aveva lavorato, documento carico di contenuti volti a promuovere il rinnovamento dei metodi della nostra vita politica con il fine di servire l’interesse generale. Alpe ha inoltre  annunciato  la sua volontà di aprire una crisi del Governo regionale, dimostrando così di non voler contribuire a costruire ma di preferire una politica “contro qualcuno” sulla quale continuare a fondare la sua immagine ed a giustificare la sua stessa esistenza. Con grande rispetto però non accettiamo lezioni di moralità da chi è mosso più da interessi elettoralistici e populisti ed è legato al timore di perdere posizioni acquisite, piuttosto che alla consapevolezza di ripartire da un progetto rinnovato che riunisca i valdostani.

A nostro avviso, invece, chi fa politica deve lavorare per costruire ponti e guardare al futuro senza erigere barriere insuperabili ed è in questa direzione che UVP e UV stanno lavorando.

Con forza,oggi, ribadiamo la validità del progetto del Rassemblement formato da UV e UVP che vede ora conclusa la sua prima fase, come avevamo peraltro concordato con le altre forze e sensibilità presenti al tavolo. Riconfermando la validità degli  impegni e dei contenuti del documento “Rassembler- Agir- Réussir”,  c’è ora la volontà da parte di UV e UVP di dar corso alla seconda fase del progetto durante la quale bisognerà lavorare congiuntamente per la definizione di un quadro di alleanze volte a definire un  percorso politico proiettato al futuro, capace di fornire proposte e prospettive alla Comunità Valdostana.

 

Elisa Bonin
Presidente UVP

Ennio Pastoret
Presidente UV