Buon Tor a tutti

Uvp, impegno mantenuto.

Ora che le due gare, 4K e Tor des Géants, sono arrivate entrambe al traguardo, è tempo di bilanci.
È innanzitutto doveroso ringraziare, per l'opera svolta, tutti i volontari che si sono attivati, per lo più a favore di entrambe le manifestazioni, a testimonianza che nel momento del bisogno la nostra gente sa sempre mostrare le migliori qualità di solidarietà e di unità d'azione. È grazie alla loro presenza nei diversi punti di presidio, con lunghi turni, a volte doppi per problemi di mancanza di cambi dovuti alla carenza di personale volontario, che i due eventi si sono svolti regolarmente. Organizzare quindi due manifestazioni del tutto analoghe, sostanzialmente sugli stessi percorsi e a distanza di pochi giorni, si è dimostrata una scelta insensata, che ha allontanato la gente, i volontari ed ha danneggiato il territorio regionale e gli sportivi. La competizione doveva esserci sì, ma tra i concorrenti di un’unica gara e non tra gare. Purtroppo non è stato così per quest’edizione bisestile (sarà un caso?). Così NON dovrà essere per l’edizione 2017. Ora prima di promuovere nuove edizioni forse sarebbe il caso di verificare le disponibilità dei volontari, perché il rischio il prossimo anno sarà quello di trovarsi senza assistenza. Inoltre è fondamentale che i rappresentanti in Consiglio Valle lavorino affinché prevalga il buon senso e si ritorni a dialogare e lavorare tutti insieme per l’organizzazione di un’unica manifestazione sportiva che possa riportare quella magia, quel fascino e soprattutto quell'entusiasmo che in tutti questi anni abbiamo sempre vissuto grazie al Tor des Géants. Questa dovrà essere la sintesi di entrambe le esperienze e delle migliori professionalità al fine di arrivare ad un grande evento, che abbia il minimo impatto sul bilancio regionale e che dovrà rappresentare l’eccellenza della Valle d’Aosta conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo.

Un unico grande trail per il 2017

Aosta, 21 settembre 2016
Comunicato stampa Gruppi consiliari Union Valdôtaine, Union Valdôtaine Progressiste, Stella Alpina e PD-Sinistra VdA

Un unico grande trail per il 2017

Alla luce del dibattito riguardante il 4k-Alpine endurance trail Valle d’Aosta e il Tor des Géants, i gruppi consiliari UV, UVP, SA e PD-SVdA sono impegnati a lavorare affinché nel 2017 si realizzi un unico grande evento che faccia crescere ancora il prestigio internazionale di questo tipo di competizioni e, quindi, della Valle d’Aosta. I gruppi consiliari di maggioranza ritengono necessario che nell’organizzazione di questo evento siano create le giuste sinergie evitando il più possibile i finanziamenti pubblici. Una sola manifestazione sportiva consentirebbe di unire le forze per caratterizzare ancor di più l’offerta promozionale e sportiva della Valle d’Aosta.

Merci Charlotte, merci Catherine!

Sono passate alcune settimane dalla fine dei Giochi Olimpici, evento sportivo che ha appassionato tutti. In particolare si sono distinte, in questa competizione, due atlete valdostane, Charlotte Bonin e Catherine Bertone A nome mio e del movimento UVP volevo ringraziare pubblicamente le due sportive, per aver portato così in alto il nome della Valle d’Aosta. Ho avuto la fortuna, durante la mia attività di allenatore di atletica leggera, di conoscere personalmente entrambe, per cui so benissimo i sacrifici e il duro lavoro che hanno dovuto affrontare per arrivare ai Giochi Olimpici. Di queste 2 atlete, mi ha sempre colpito la solarità, la gentilezza e la capacità di affrontare qualsiasi prova con il sorriso sulle labbra. Grandi atlete sì, ma soprattutto grandi persone! Quello che mi auguro è che i loro sforzi, la loro determinazione, la loro ferrea volontà e il loro enorme bagaglio di esperienza non vadano dispersi, ma che possano essere utili alla nostra comunità e che siano di esempio, soprattutto per i più giovani. Questo per far sì che sempre più atleti valdostani possano, in un futuro non troppo lontano, partecipare a competizioni di così alto livello.  

Andrea Vuillermoz


Tor des Géants: chi rompe, paghi!

Un grave danno all'immagine della Valle d'Aosta

Aosta, 14 marzo 2016 Comunicato stampa congiunto Union Valdôtaine Progressiste, ALPE, Movimento 5 Stelle uvologo logoalpemov 5

Tor des Géants: chi rompe, paghi!

Dopo aver evocato ripetutamente, con forza, in Consiglio regionale l'inopportunità di organizzare, da parte della Giunta regionale, una manifestazione in contrapposizione al Tor des Géants, oggi, lunedì 14 marzo 2016, i gruppi consiliari UVP, ALPE e M5S vedono confermate tutte le loro perplessità, alla luce di quanto disposto l'11 marzo dal Tribunale ordinario di Torino. La condotta del Governo regionale si è rivelata in tutta la sua avventatezza, danneggiando gravemente l'immagine della Valle d'Aosta che si era compattata intorno al Tor des Géants. Al di là del pronunciamento finale che ci sarà, l'aver impedito il confronto in Commissione consiliare richiesto dai gruppi UVP, ALPE e M5S, e l'aver perseverato nella logica dello scontro anziché in quella della mediazione ha prodotto ciò che si paventava: danno d'immagine, sconcerto e divisione nella cittadinanza valdostana, ma anche nell'ambiente sportivo internazionale. Oltre alla beffa, per la comunità si paventa anche il danno: un grave danno economico di cui i valdostani, in questo momento, farebbero a meno e la cui responsabilità andrà ricondotta in capo a chi ha agito con permalosa sconsideratezza. Chi rompe...paghi!

Tor des Géants: un’occasione persa!

Aosta, 4 marzo 2016 Comunicato stampa congiunto Union Valdôtaine Progressiste, ALPE, Movimento 5 Stelle uvologo  logoalpe 5stelle

Tor des Géants: un'occasione persa!

Nell’ultimo Consiglio regionale, i Gruppi UVP, ALPE e M5S hanno affrontato la questione dell'organizzazione del Tor des Géants, tentando invano di salvare il valore etico e solidale che l’esprit montagnard ha in sé e che dovrebbe essere sviluppato attorno ad un evento unico quale è il Tor. I Consiglieri regionali dei gruppi UVP, ALPE e M5S denunciano il modo di agire meschino e poco oculato della Giunta regionale che, portando avanti l'organizzazione del "4K Alpine Endurance Trail Valle d'Aosta", causa un danno d’immagine alla Valle d’Aosta, una divisione della comunità, oltre a comportare un impegno economico di risorse pubbliche sproporzionato rispetto al momento di crisi. Riteniamo infatti che l'investimento della Giunta regionale di 300.000 euro di risorse della Valle d’Aosta per l'organizzazione di questa nuova iniziativa, unitamente al costo e all'impegno di tutto l'indotto che fa capo all'apparato pubblico, non sia né opportuno né sostenibile, soprattutto di fronte alla chiusura di fabbriche, alla riduzione delle risorse per asili nido e microcomunità, alla riduzione delle risorse destinate all’istruzione, alla sanità e all'agricoltura. Il tentativo di mettere insieme tutte le energie e risorse della comunità valdostana attorno al Tor, trail affascinante e coinvolgente, attraverso un nuovo e costruttivo dialogo fra la società organizzatrice e la Giunta regionale era dettato anche dal momento delicato che stiamo attraversando di grave crisi sociale ed economica, in cui le priorità della popolazione sono rivolte ad altre urgenze. I Consiglieri regionali dei gruppi UVP, ALPE e M5S precisano poi di aver chiesto di audire, in seno alla quarta Commissione "Sviluppo economico", la società organizzatrice del Tor, in modo da poter verificare gli alibi legati alla sicurezza, le risposte lacunose e fuorvianti date o eluse in Aula dall'Assessore al turismo, che non ha nemmeno fatto cenno al già previsto svolgimento, il giorno successivo, di una conferenza stampa-show per presentare il nuovo evento di endurance trail running. È una dimostrazione, questa, di come tutte le scelte fossero già state prese d’imperio, da diversi mesi, dal Presidente della Regione e dall’Assessore al turismo, senza il minimo coinvolgimento del Consiglio regionale, luogo deputato a prendere collegialmente le decisioni per l’intera comunità. Alla luce di questo comportamento, le responsabilità sociali e giuridiche ricadono sul Governo regionale. I gruppi consiliari UVP, ALPE, M5S chiedono quindi alla maggioranza regionale intera di ritornare sui propri passi, di annullare la scelta della Giunta e di farsi promotrice di una condivisione del tema che porti alla realizzazione del solo Tor des Géants; richiedono inoltre di impegnare i 300.000 euro previsti dalla maggioranza per "4k" più utili alla comunità valdostana, a partire dalla riduzione dei costi degli asili nido.

Tor des Géants

Che si riapra il confronto

Aosta, 12 febbraio 2016 Comunicato stampa congiunto Union Valdôtaine Progressiste, ALPE, Movimento 5 Stelle   uvologo logoalpe 5stelle

Tor des Géants: che si riapra il confronto per il bene della Valle d'Aosta

I gruppi consiliari UVP, ALPE e M5S hanno assistito increduli, al pari dei cittadini valdostani, all'escalation di comunicati, prese di posizione e dichiarazioni riguardanti la prossima edizione del Tor des Géants. Quello che doveva essere un confronto volto ad apportare i necessari correttivi alla manifestazione, si è trasformato in una disputa incomprensibile che sta arrecando grave danno all'immagine della Valle d'Aosta. Il Tor des Géants è uno straordinario strumento di promozione per la nostra regione e ha saputo fino ad ora suscitare partecipazione, coinvolgimento e unione tra i valdostani. Riteniamo che debba continuare a svolgere questo ruolo e in tal senso i nostri gruppi hanno presentato congiuntamente una mozione per il prossimo Consiglio, nella quale si chiede di sospendere ogni iniziativa in corso e di riaprire immediatamente un tavolo di confronto che, conferendo pari dignità a tutti gli attori coinvolti, permetta di garantire il regolare svolgimento dell'edizione del Tor des Géants 2016. Nel frattempo, visto il non coinvolgimento del Consiglio, chiederemo che l'Assessore Marguerettaz illustri con urgenza alla Commissione competente le motivazioni dello scontro, invitando anche la società sportiva Valle d'Aosta Trailers, con il solo scopo di evitare che un evento di interesse collettivo così importante venga compromesso, con danno irrimediabile per l'immagine della Valle.