Chi siamo oggi?

Da forza di lotta a forza di governo

Per dirlo occorre ricordare il nostro percorso, da dove siamo partiti, con quali obiettivi e con quale spirito, perché come dice la frase del Buddha "tutto ciò che siamo è il risultato di ciò che abbiamo pensato". Ebbene sono stati anni intensi questi, per certi versi tutt'altro che facili, ma certamente importanti, per non dire decisivi, per la costruzione del nostro progetto. Abbiamo esordito il nostro percorso politico mettendo nero su bianco i nostri ideali e i valori a cui fare riferimento e dichiarando sin da subito, anche con una certa dose di aggressività, che ci ponevamo come obiettivo quello di cambiare il modo di fare politica in Valle d'Aosta. Abbiamo rivendicato una voce nello scacchiere politico valdostano e ci siamo presi con lavoro e fatica, dopo il grande exploit delle elezioni politiche ed il buonissimo risultato delle elezioni regionali, il nostro spazio. Un prova dopo l'altra, una competizione elettorale dopo l'altra, ci siamo radicati. I ragionamenti all'interno del movimento sono continuati e con essi la voglia di lavorare per la nostra comunità, senza mai dimenticarci quanto detto agli esordi della prima fase, di cui sono stata testimone anche io negli anni alla presidenza del movimento, quando abbiamo cercato di costruire sinergie lungimiranti per il futuro. UVP non è nata come anti-politica, né come semplice voce di dissenso, ma con la ferma convinzione che ad ogni critica vada sempre accompagnata una proposta. In quest'ottica, in occasione del rinnovo delle cariche amministrative, abbiamo cercato di costruire sul territorio liste civiche capaci di raccogliere le differenti sensibilità presenti in UVP. Ove è stato possibile abbiamo presentato progetti nuovi, nel segno del rinnovamento ma al tempo stesso della concretezza, e cercato di dare risposte serie alla comunità di riferimento. In alcuni casi abbiamo vinto, in altri vi siamo andati vicini, ma ciò che più conta è che oggi siamo rappresentati nella quasi totalità dei comuni della Valle e possiamo dire di avere pressoché su tutto il territorio i nostri rappresentanti che, insieme ai gruppi che abbiamo costituito, sanno porsi quali ‘points de repère’ per i cittadini. A livello regionale il percorso condotto con sapienza e coraggio dai nostri eletti ha permesso al nostro movimento di non restare nell'angolo dove qualcuno ha cercato a lungo di metterci e di avanzare proposte e progetti che già in occasione dell'ultimo documento di bilancio hanno saputo tradursi in atti amministrativi e politici di rilancio concreto per settori fondamentali dell’economia valdostana. Oggi siamo forza di governo. Oggi UVP, insieme ai nostri alleati, è al centro di un progetto politico nuovo che, se lavorerà bene, potrà davvero fare la differenza per la nostra comunità. Ma per farlo occorre tradurre la nostra azione politica in cambiamenti, occorre dare risposte, occorre puntare al massimo. Il grande Aristotele era solito ricordare: "siamo quello che facciamo costantemente. L'eccellenza non è dunque un atto ma un'abitudine". Ed è con questo spirito che dobbiamo lavorare ora, rimboccandoci le maniche e rinnovando ogni giorno con le nostre azioni quanto al tempo della fondazione di UVP abbiamo scritto alla base del manifesto del nostro movimento. Per questo rinnovo l'invito a lavorare a tutti noi progressisti e a coloro che a vario titolo e con le proprie singole forze, tempo e capacità , abbiano voglia di contribuire alla buona riuscita di un progetto che può rivelarsi "eccellente". Lavoriamo ora e ne raccoglieremo i frutti. Lo dico con l'orgoglio di fare parte di una grande squadra dove vi assicuro c'è posto per tutti ma anche con la profonda consapevolezza di poter contribuire a qualcosa di importante. Réunir, réussir!

Alessia Favre

Zone Franche fra storia ed attualità

Inizio di una riflessione sulle Zone Franche

Succede con una certa periodicità. Le Zone Franche suscitano dibattiti che sempre più sovente entrano nelle vertenze politico-economiche delle Regioni, in Italia ma – ad ampio respiro – anche nel resto d'Europa. L'argomento non è secondario, al contrario, per quanto attiene la Regione Autonoma Valle d'Aosta che nello Statuto Speciale vede l'articolo 14 ad esso espressamente dedicato quale accordo Costituzionale. Esso recita: «Il territorio della Valle d'Aosta è posto fuori dalla linea doganale e costituisce zona franca. Le modalità d'attuazione della zona franca saranno concordate con la Regione e stabilite con legge dello Stato» così come poi trattato dalla legge n.623 del 3 Agosto 1949 in attesa che fosse attuato il regime economico. Purtroppo la Zona Franca regionale valdostana non è mai stata concordata né varata ed è rimasta argomento in sospeso fino ad oggi. Affrontata più volte e sollecitata dai parlamentari valdostani succedutisi nel corso delle legislature, la questione è restata infatti inattuata. Emblematico l'intervento del deputato Corrado Gex in aula in un discorso del 13 dicembre 1962 in cui l'onorevole ricordava come, nonostante lo Statuto Speciale, l’argomento Zona Franca fosse stato sostanzialmente non trattato nel corso delle tre legislature precedenti. Più volte i vari Governi avevano proferito in aula promesse rimaste disattese. Destino, purtroppo, anche della quarta legislatura nonostante il forte impegno di Gex e del senatore Federico Chabod ed in seguito di altri quali Giovanni Fillietroz, ad esempio. Poche e parziali concessioni succedanee si sono lentamente dissolte nel tempo. Nella comune tradizione economica, le zone franche (o più attuali “No Tax Area”) sono da sempre individuate in zone a svantaggio industriale o geografico. Lo scopo della “No Tax Area” è proprio quello di sostenere regioni che - per cause geografiche ed infrastrutturali - risultano poco appetibili per le imprese. Questa filosofia ha condotto, in Europa, alla creazione di “No Tax Area” per le Isole Canarie, per l’isolato Stato del Nevada, del New Mexico, o delle Isole del Canale della Gran Bretagna. In Italia le concessioni in tal senso sono state assai parziali. Due esempi sono dati da Livigno e da Campione d'Italia dove, fra l'altro, registriamo anche l'esistenza di un Casinò. È un errore comune quello di limitare l'istituzione di una Zona Franca con l'unico scopo di favorire lo scambio ed i consumi. Di solito i controlli sono molto puntuali e la possibilità di acquistare merci non è così estesa per i compratori. Essa di per se dovrebbe superare il mero concetto mercantilistico, ma sarebbe bene agisse più in profondità favorendo la creazione di aziende in quelle zone che registrano difficoltà strutturali, abbiamo visto accesso e comunicazioni, per consolidare localmente un volano produttivo di ricchezza e non di mero trasferimento della stessa. Ad esempio uno status economico simile, potrebbe favorire l'ingresso di aziende in grado di utilizzare energia a minor costo. Nel contempo anche la movimentazione delle merci dovrebbe, però, poter contare su una rete accessibile e poco costosa per tutto ciò che trova trasformazione o produzione sul territorio. Produzione, lavorazione ed “esportazione”. Più volte si è richiesta l'istituzione di regimi economici siffatti proprio con l'intento di puntare sulla generazione locale di ricchezza. Un regime di importazione agevolata con tariffe o “dazi” ridotti o nulli in temporanea importazione, potrebbe ad esempio favorire la localizzazione di settori industriali in grado di effettuare operazioni di semilavorazione o di “easy packaging” per merci già in fase di stato avanzato di lavorazione. Ecco che abbiamo fatto un passo avanti nel concetto di “Zona Franca”la quale non a caso di per sé risulta anche un concetto meritevole di progressione tecnica, oltre la sola area dedicata al minor costo dei prodotti ed al consumo finale. Sia chiaro, l'evoluzione del concetto non spiazza affatto quello basilare, semplicemente lo completa, mantenendolo ed allargandolo. Un provvedimento del genere trova una nuova definizione in Zona Economica Speciale (ZES) invocata oggi a gran voce un po' da tutte le parti in Italia: la Sardegna, che trova difficoltà di ordine logistico alla localizzazione di imprese con inevitabili ricadute sull'occupazione e sul ritardo economico, i porti (Trieste e Genova) e la stessa Lombardia la quale, in teoria, dovrebbe meno risentire di queste problematiche. Il caso valdostano, tuttavia, presenta aspetti diversi: innanzi tutto di diritto, essendo la questione richiamata nello stesso Statuto Speciale, secondariamente per la peculiarità del territorio il quale potrebbe essere favorevolmente sfruttato stante la posizione in “cuore” all'Europa stessa, in ultimo per la necessità di rompere quell'avvitamento intrapreso da diversi anni, ormai, con l'affievolirsi dei vantaggi che l'autonomia dovrebbe comunque salvaguardare. Con il Governo Centrale occorre, dunque, riprendere il dialogo necessario per l’attuazione dell’art. 14 dello Statuto Speciale. La questione non permette, infatti, ulteriori ritardi e rinvii se intendiamo iniziare a porre un freno alla spirale di contrazione economica in cui la Valle d’Aosta è entrata in questi ultimi 8 anni. I settori primari dell'economia, infatti, rappresentano solo un aspetto della ricchezza del territorio, importante, da sostenere e difendere in un contesto ambientale davvero aspro, con inevitabili ricadute sui costi sostenuti dal settore, ma di base. Quelli terziari tradizionali a loro volta vanno potenziati, soprattutto con l’intrapresa degli operatori locali seppure con una regia regionale, con strategie che promuovano la fruibilità del territorio durante tutto o quasi il corso dell'anno, ed esempi di terziario montano avanzato ne esistono molti sulle Alpi, ma il grosso della ricchezza di un territorio sta nella produzione o nella lavorazione di prodotti che, nel corso di un tempo assai ristretto, abbiamo perso. E che è necessario provare a recuperare. Maurizio Moscatelli

Manifestazione di riconoscenza ad Osvaldo Ruffier

Riceviamo e pubblichiamo

In politica, come nella vita chiedere scusa è diventato sempre più difficile, vuoi per una sottile forma di orgoglio personale, vuoi perché ormai ci sentiamo sempre più forti e invincibili, sempre con la verità in tasca. Per me non è così o almeno, in questa fase, in questo momento sento il bisogno di scusarmi con una persona e di farlo pubblicamente: sto parlando di Osvaldo Ruffier. Si torna indietro nel tempo: erano gli anni in cui ero presidente della sezione di Cogne dell’Union Valdôtaine mentre Osvaldo era sindaco, un sindaco come non pochi, sempre disponibile, la porta del suo ufficio era aperta per tutti e con tutti – “Cogneins” di origine e di adozione – diceva sempre quello che pensava, senza vendere fumo come siamo purtroppo abituati, ieri come oggi. Unionista fin dall’inizio, idealista convinto nella sua semplicità, moralità e integrità: perché essere unionista ieri e progressista oggi era ed è per Osvaldo innanzitutto vivere, condividere, portare avanti un ideale, sempre; perché unionista si nasce, si sente dentro, si vive nella mente ma soprattutto nel cuore e su questo Osvaldo Ruffier ha dato e da una lezione a tutti, compresi quelli dell’ultima ora! Come non ricordare le sue battaglie contro la chiusura della Miniera nel 1978, le tante porte a cui ha bussato senza avere risposta, le trasferte a Roma pagate a sue spese per difendere e tutelare i tanti posti di lavoro (tra cui quello del mio papà), allora seriamente in pericolo, così come la gestione a pochi anni di distanza di due emergenze – tragedie come l’alluvione del 2000 e tutto ciò che ne conseguì da quel drammatico 30 gennaio 2002 quando su Cogne si riversò una pressione mass-mediatica senza precedenti per un tragico fatto di cronaca che tutti tristemente ben conosciamo. Nel secondo caso ci furono anche dei violenti attacchi alla sua persona ai quali, la popolazione di Cogne rispose in massa difendendo il proprio Sindaco attraverso la firma di una petizione in segno di solidarietà così come a difesa di Ruffier intervennero i vertici istituzionali di allora della Regione e l’allora Parlamentare europeo. Ci fu, al contrario il silenzio dei Parlamentari valdostani dell’epoca, ma anche questo particolare non stupì più di tanto… Per il sottoscritto, la più bella delle “lotte” politiche combattute sicuramente è stata quella per le regionali del 2003 assieme alla cara e compianta Joëlle Cuneaz, e Rolando Jeantet, suo delfino politico e naturale successore alla guida del comune di Cogne se, le imposizioni esterne non ci avessero obbligato a prendere altre strade… La comunità unionista “Cogneintze” era unita e compatta nel portare la sua candidatura alle elezioni regionali ed eravamo convinti che tutta la Comunità Montana Grand-Paradis non si sarebbe lasciata scappare l’occasione di avere un galantuomo come suo rappresentante. La realtà purtroppo fu ben diversa, la sua candidatura non divenne certezza perché la persona Osvaldo Ruffier dava (e da) fastidio perché non “manovrabile” e questo – ieri come oggi – disturba e così ce ne tornammo a Cogne con le ossa piegate... piegate ma non certo spezzate! Pagine belle ma anche passaggi nebulosi e poco corretti di cui, io per primo mi assumo le responsabilità, come ad esempio il cambio in corsa alla guida del Comune sempre nel 2003, un cambio che non fece bene ne all’uscente, ne tanto meno all’entrante sindaco. Furono anni di divisione e di profondo astio personale – non ancora del tutto superati – con l’inserimento di terze persone che poco o nulla capivano di politica ma soprattutto di come si amministra un comune, (La legislatura 2005-2010 passa agli annali del comune di Cogne come la più disastrosa, confusionaria e improduttiva della storia amministrativa locale), tutti fattori che inevitabilmente portarono alla cocente sconfitta alle comunali del 2010, così come la sua progressiva e voluta estromissione dalla sezione fino alla sua uscita dall’Union Valdôtaine che ha – nei fatti – anticipato quella di tanti, compresa la mia. Uscite cariche di tristezza e di malinconia ma di certo portatrici di nuovi e più esaltanti stimoli politici perché tutto nasce da dove un qualcosa finisce e se qualcosa termina non è certo per arroganza o per inerzia ma perché – malgrado tutto- la schiena è ancora bella dritta e quelle pacche fasulle date sulle spalle la sera dei risultati elettorali che stavano a significare: “Bravo, è andata bene ma adesso ci pensiamo noi, non ti preoccupare!” sono stimolo a ripartire più forti e determinati che mai! A distanza di tanto tempo dunque è venuto il momento di chiedere pubblicamente scusa a un galantuomo nel senso proprio della parola, chiedere scusa a una persona semplice, profondamente intelligente e lungimirante, che ha amato e ama Cogne come nessuno, che ha vissuto e interpretato il suo ruolo di amministratore come un Servizio nel senso proprio della parola. Chissà se da quella scatola ormai vuota, tristemente stuprata da ideali e principi qual è oggi Avenue des Maquisards tra i tanti rimpianti e gli errori commessi in tanti anni, un giorno non ci sia spazio anche per il trattamento riservato a Osvaldo Ruffier… Anche e soprattutto per questo che oggi si sente il bisogno di chiedere scusa a Osvaldo…   Andrea Portigliatti

Nulla sarà più come prima…

I fatti di Parigi segnano un momento storico tragico

I fatti di Parigi segnano un momento storico tragico, e, dopo gli attentati dell'11 settembre, ci fanno capire, in modo inequivocabile, che dal 13 novembre, nel mondo che conosciamo, nulla sarà più come prima. Non si ha sempre la percezione, quando si partecipa alla vita democratica o semplicemente in quanti uomini e cittadini, di vivere momenti storici. In questo momento dobbiamo, invece, essere tutti consapevoli che ne stiamo vivendo uno terribilmente grave e delicato. Un momento unico e del tutto nuovo nel panorama delle tragedie internazionali che conosciamo. Mi ricordo molto bene gli anni del Liceo e delle mobilitazioni, delle paure e dei timori di fronte ai fatti della guerra del Golfo. E penso anche ai nostri nonni e a ciò che hanno dovuto vivere, e che abbiamo sentito raccontare, in merito alla tragedia e alle sofferenza della prima e seconda guerra mondiale, e al dramma che i ragazzi di inizio secolo hanno vissuto e dovuto affrontare. Storie e racconti di vita che hanno segnato non solo il mondo e interi paesi, ma anche la storia personale ed umana di tante persone. Ma il fenomeno di fronte al quale ci troviamo in questi giorni ha elementi e sfaccettature decisamente diverse rispetto a tutti i grandi conflitti che la storia conosce, e che già l'11 settembre ci aveva fatto tragicamente percepire. Oggi ci troviamo di fronte ad un attacco sistematico al cuore della democrazia e della libertà, a persone, cittadini e persone, in modo barbaro ed indistinto, con la triste consapevolezza che questa tragedia non si esaurirà con la cattura e l'individuazione di esecutori e mandanti. Ci troviamo di fronte a qualcosa di molto più profondo e drammatico, che deve assolutamente vedere decisioni, pianificazioni, interventi e ripensamenti su come è stato affrontato in questi anni, anche dopo l'11 settembre, la lotta al terrorismo organizzato. La gente, la comunità, impaurita e smarrita, noi tutti, ci aspettiamo dall'Europa e dal mondo civile e democratico, che si agisca. E che si agisca in fretta . Laurent Viérin

Il progetto di accoglienza migliore

Tutelando al meglio le comunità locali

La notizia del ritiro da parte di una cooperativa locale dei progetti inerenti l’accoglienza dei migranti nei comuni di Champorcher e Saint-Vincent è tra i primi effetti dell’adesione al progetto SPRAR da parte di tre comuni valdostani. Se le cooperative interessate si allontanano dai comuni che hanno scelto un modello diverso da quello adottato finora in Valle, non significa certo che questi ultimi non accolgano i rifugiati e i  richiedenti asilo o che esulino da queste responsabilità, ma che abbiano cercato di farlo in modo più organizzato e consono al proprio territorio ed alle comunità residenti. L’Union Valdôtaine Progressiste, attraverso il gruppo di lavoro designato per questa tematica, puntava proprio in questa direzione: dare ai comuni più opportunità di scegliere come gestire la politica dell’accoglienza. La drammatica situazione che vede il flusso continuo e sempre più numeroso di ormai intere popolazioni costrette ad abbandonare il proprio paese non può più essere ignorata da nessun popolo civile degno di tale aggettivo; nessuno potrà ritenersi esente da quello che diventerà un obbligo per tutti, utile quindi per ogni comunità, ovvero scegliere quale sia il progetto di accoglienza migliore da adottare tutelando al meglio la propria comunità. Le Conseil de Direction UVP

Giornata Nazionale sulla Salute della Donna

Calendario delle iniziative correlate

L'Azienda USL della Valle d'Aosta aderisce alla Giornata nazionale sulla salute della donna proponendo un calendario di visite e consulti gratuiti a partire dal 18 fino al 24 aprile prossimi. In campo nazionale sono 155 le strutture ospedaliere aderenti all'iniziativa, il cui ente promotore è ONDA, l'Osservatorio nazionale sulla salute della donna; lo stesso ente che ha attribuito nell'ultimo biennio un punteggio di tre Bollini Rosa agli ospedali Beauregard e Parini di Aosta quale certificazione e riconoscimento di strutture ospedaliere particolarmente attente alla salute femminile. La settimana di iniziative “rosa” si svilupperà grazie al coinvolgimento di vari reparti ospedalieri che, in collaborazione con le associazioni Lilt VdA e Cibo è salute, proporranno screening ed incontri informativi dedicati a diversi temi per la cura delle patologie femminili: a tutela della prevenzione dei tumori, a difesa dei disturbi alimentari, dell'ictus, dell'Alzheimer, delle cefalee, della sclerosi multipla e della menopausa. L'Assessore alla Sanità salute e politiche sociali nel presentare l'iniziativa della seconda giornata sulla salute della donna ha sottolineato gli aspetti concreti che tale iniziativa rappresenta e si è detto inoltre interessato a valorizzarla e promuoverla ulteriormente in quanto tutte le azioni di prevenzione sanitaria devono, in prospettiva futura, essere al centro del nostro sistema-salute perchè le risorse qui impegnate rappresentano un vero e proprio investimento per la comunità valdostana. In un settore quale la Sanità è infatti nevralgico valorizzare, anche in termini comunicativi, i servizi di eccellenza e tutte le professionalità che lavorano proficuamente all'interno dell'apparato così come affrontare e superare le criticità presenti in sinergia con tutti gli attori sanitari regionali. A tal proposito sarà importante valutare i dati di adesione al progetto per capire in che misura quest'ultimo arriverà alle Valdostane, nel capoluogo e nelle vallate laterali. Le donne del terzo millennio sono sempre più frequentemente costrette ad orari e ritmi frenetici di vita nella gestione familiare, nel lavoro, negli impegni quotidiani fino a dover tralasciare le proprie esigenze personali; uno stile di vita equilibrato e che possa pertanto contribuire a migliorare e tutelare la loro salute. È quindi necessario favorire la massima informazione presso la popolazione di ogni iniziativa che miri alla riduzione delle malattie femminili che, se fronteggiate per tempo, possono apportare beneficio diretto sulle donne e sull'intera comunità.

Riflessioni di un giovane Progressista

Ad un anno e mezzo dalle ultime comunali a Châtillon

Ho iniziato a sviluppare una passione per la politica sin dalla scuola superiore seppure, nella Valle d’Aosta studentesca che ho vissuto io, non si evidenziasse la presenza di molti gruppi o collettivi politici. Chi aveva un interesse come il mio era costretto a estrapolare qualcosa dai libri, interrogare i famigliari oppure farsi un’idea, quanto più oggettiva possibile, seguendo la politica locale attraverso i racconti dei media del posto. Questa passione si consolida a Torino negli anni dell’Università, periodo nel quale ho scoperto un mondo fatto di attivismo, di giovani ragazzi e ragazze, di organizzazioni, di volontari e di sognatori. Ricordo in maniera molto nitida l’insofferenza nel vedere un mondo politico così florido a Torino per poi tornare a casa nel week-end ed avere la sensazione che, per i valdostani (soprattutto per quelli più giovani) la politica venisse percepita in maniera diversa: qualcosa di strettamente legato ai giochi di palazzo, al clientelismo di provincia e all’erogazione di contributi. Quando qualcuno mi si presentò d’innanzi dicendomi “a noi piacerebbe che tu ti unissi al nostro gruppo!” la cosa mi lasciò al quanto pensieroso: se una proposta così chiara e netta mi lusingava molto, dall’altra avvertivo il rumore dei vari campanelli d’allarme che preoccupano tutti gli aspiranti politici, specie quelli prudenti, come il sottoscritto. Se mi brucio? Se schierandomi mi comprometto a livello lavorativo? Non corro il rischio di causare imbarazzo in famiglia? Se capiterà di discutere con gli amici? Riuscirò ad esprimermi all’interno del gruppo?   Questi e altri quesiti mi davano parecchio tormento. Per non parlare poi di quando si passò dall’idea di comporre una lista al deposito, vero e proprio, presso il municipio dei nomi di quelle persone che, assieme a me, avrebbero cercato di sostituirsi all’amministrazione uscente nel governo del mio comune. Tutto andò per il meglio e venni largamente ripagato per aver deciso di volermi mettere in gioco…e non è facile mettersi in gioco quando le persone di cui ci si fida maggiormente ti consigliano prudenza. Se la campagna elettorale è stata per me e per i miei compagni di lista un’esperienza fantastica nella quale ci si è sentiti veramente parte di un gruppo coeso, positivo e propositivo, da dopo le elezioni qualcosa si incrina. Noto con rassegnazione che l’emergere di egoismi, ambizioni, discussioni, personalismi e quant’altro è un fenomeno che coinvolge tutti i gruppi organizzati sulla base di gerarchie, specie se questi gruppi sono molto eterogenei. Mi trovo a dover imparare, quasi senza maestri, quale sia il ruolo di un capogruppo di maggioranza al fine di poter gestire e conciliare visioni inconciliabili di colleghi ormai arrivati ai ferri corti. Se l’aspetto più politico di questo percorso mi lascia occasionalmente deluso, come ad esempio mi succede nel vedere quanto il denigrare, lo schernire e il calunniare facciano ormai parte delle regole del gioco, pratica che, guarda caso, non è mai accompagnata da proposte concrete e desiderio di un sano e costruttivo dialogo, la parte di lavoro amministrativo è, invece, molto interessante e proficua dal punto di vista dell’apprendimento e dell’esperienza lavorativa e umana. Mi trovo a spendermi nell’organizzazione di eventi, nello studio di materie sovente anche molto complesse come la redazione di un bilancio, una gara d’appalto, un gruppo di lavoro su tematiche specifiche e su tutti i vari dossier che arrivano in comune e che vengono smistati a questo o a quell’amministratore. La parte meravigliosa di questa esperienza è sicuramente la possibilità di accrescere la conoscenza del proprio territorio, del proprio comune e delle persone che lo abitano. Ogni cittadino o ente è inserito e opera in contesti differenti, seppur molte volte minimamente differenti, ma la somma di tutte quelle esigenze, di tutte quelle richieste, di quelle proposte e, sicuramente, di tutte quelle critiche, rappresentano la voce di una comunità e sapere di essere uno di quei cittadini ai quali la comunità ha deciso di indirizzarsi beh…è, e sarà, per sempre un onore e un motivo d’orgoglio. Non so cosa mi riserverà il futuro. Il mio proposito è continuare a lavorare onestamente, guardandomi in continuazione nelle tasche per capire se ciò che faccio riempie più il portafoglio o la coscienza. Lavorerò affinché nel mio gruppo, come al di fuori di esso, si sedimenti l’idea che il discutere frontalmente, anche animatamente, ma con lealtà e rispetto, sia ciò che distingue i buoni politici, le buone persone, dagli impostori. Lasciatemi aggiungere che sarei veramente ingrato se non ringraziassi il movimento Union Valdôtaine Progressiste per la fiducia che ha riposto in me e per il fatto di avermi sempre dato voce qualora la chiedessi. All’interno dell’UVP ho conosciuto persone capaci e sincere ma soprattutto appassionate. Spero che la mia testimonianza spinga altre persone, e soprattutto altri giovani, ad avvicinarsi alla politica attiva. Non è facile. Ci vuole coraggio, testa dura e spalle larghe. In questi tempi poi a grandi sforzi corrispondono, ahimè, soddisfazioni piuttosto misere ma rimango dell’idea che l’unica battaglia che si perde veramente è quella che si ha paura di combattere. Diego Joyeusaz

Tre domande ai neo-Presidenti dell’UVP

Interviste di Mirena Vaudois

I recenti avvenimenti politici sfociati nella formazione di un nuovo governo regionale hanno prodotto anche una piccola rivoluzione in casa UVP che, nel suo statuto, prevede l’incompatibilità tra la carica di presidente e quella di assessore regionale. Luigi Bertschy divenuto Assessore Regionale alla Sanità ha così rassegnato le sue dimissioni da Presidente UVP lasciando a voi due, Silvana Cerise e Fabio Marra, vicepresidenti, il compito di dirigere il movimento fino al congresso. Le Progressiste nel presentarvi, ha pensato di rivolgervi alcune domande: Silvana Cerise Nata ad Aosta il 1° gennaio 1952  - Ha ricoperto la carica di dirigente di secondo livello presso la Presidenza del Consiglio regionale sino al mese di giugno 2015 e poi collocata in quiescenza. E’ attualmente componente del Consiglio di Amministrazione del fondo complementare Fopadiva e del Consiglio Direttivo Confederale del SAVT (Syndicat Autonome Valdôtain des Travailleurs). Profonda conoscritrice ed amante della montagna, d’inverno pratica lo sci da discesa e d’estate si dedica al trekking.   Cosa significa questa carica politica dal tuo personale punto di vista? Innanzitutto va precisato che questa nuova carica politica è una carica di transizione che dura sino alla convocazione del congresso organizzativo che eleggerà il nuovo Presidente. E’ sicuramente una carica molto impegnativa che condivido con la preziosa collaborazione di Fabio Marra. Dicevo, è una carica impegnativa perché arriva in un momento in cui l’UVP, assumendosi la responsabilità di avviare una nuova fase politica, si trova al centro dello scenario politico regionale impegnata a dare rilancio alla Valle d’Aosta ed alla sua Autonomia. Stiamo percorrendo una nuova fase del nostro percorso politico più delicata e impegnativa che necessita del sostegno e dell’aiuto costante di un numero sempre maggiore di progressisti, perché la politica non si fa solo con buoni progetti, ma si fa anche con i numeri.   Che idea ti sei fatta dell’attuale situazione politica valdostana? Au cours de ces dernières années, le contexte socio-économique de la Vallée d’Aoste s’est très rapidement transformé en raison d’une crise économique générale, de changements rapides sur le plan social, les forts attaques à notre Autonomie, notamment à celle financière, ont causé répercussions négatives au système fédéraliste valdôtain. Face à ces changements, l’UVP a su s’affirmer au centre de l’échiquier politique valdôtain avec des propositions progressistes novatrices en termes de thèmes et d’idées. A’ la conclusion d’une phase de consultation politique très lourde, qui s’est déroulée dans ces derniers mois, une nouvelle cohésion politique et sociale est née et un nouveau projet politique a été déposé pour donner un nouvel élan à la Vallée d’Aoste et à notre Autonomie. Je suis sûre que dans cette nouvelle situation politique valdôtaine nous devons abandonner toute logique de division et retrouver une unité des sensibilités, des énergies et des intelligences valdôtaines autonomistes et progressistes, en donnant priorité en tout ce qui nous unit, dans l’esprit d’une lutte valdôtaine commune pour défendre les idéaux et les principes que les pères fondateurs de notre Autonomie nous ont transmis.   Quali sono gli scenari che prevedi per il futuro del Movimento e per quello della Valle d’Aosta? Sono convinta che per salvaguardare e ulteriormente promuovere il futuro dell’Autonomia valdostana e per far fronte all’attuale stato di crisi sia imprescindibile rilanciare la proposta, peraltro già da noi avanzata con la “Constituante valdôtaine”, di ricostruzione e rafforzamento di un fronte autonomista, progressista coeso e determinato, in grado difendere le prerogative e i diritti dei valdostani. L’UVP deve saper ridare valore alla Politica e saper recuperare la fiducia dei cittadini delusi che non credono più nelle istituzioni, deve porsi con umiltà all’ascolto della comunità e dimostrare che la buona politica si può e si deve ancora fare. La Valle d’Aosta necessita in questo momento di un modello di governance improntato a una maggiore condivisione unito alla massima trasparenza dell’azione politica-amministrativa e di una visione prospettica a medio e lungo termine che sia in grado di dare le risposte che la comunità si attende da troppo tempo.

Il caso CVA

Ha destato scalpore nelle ultime settimane la pubblicazione della relazione finale della Commissione Consiliare di inchiesta sulle intricate vicende legate all’acquisto delle turbine nella maggiore delle partecipate della nostra regione, la CVA. Al di là di ogni gossip giornalistico e fuori da ogni intento scandalistico si impongono alcune riflessioni essenziali per la politica valdostana che non possono essere eluse, anche perché lo sfruttamento delle acque e le relative politiche dell’energia sono strategiche per la vita e lo sviluppo della comunità valdostana e la compromissione in qualsiasi modo di questi settori non può e non deve essere tollerata. A scanso di ogni fraintendimento precisiamo subito quali erano i compiti della commissione di inchiesta, citando letteralmente il mandato che la commissione aveva e che a suo tempo fu approvato: “verificare e approfondire le modalità con le quali CVA S.p.A. ha proceduto all’acquisto di turbine e altro materiale proveniente dalla Cina al fine di verificare la qualità delle forniture aggiudicate”. Evidentemente, se il Consiglio Regionale decideva di insediare una commissione di inchiesta con questo fine, è stato perché un qualche clangore di turbina zoppicante era giunto fino a palazzo. Che il motore facesse un rumore strano è confermato dalle conclusioni stesse della commissione che riportiamo per intero in calce a questo scritto e che sono di per sé parlanti. Ci preme però di dire ancora una volta che noi vediamo nell’energia, nella sua produzione, nella sua distribuzione e nel suo utilizzo non solo uno dei motori fondamentali della economia valdostana, ma anche uno dei fondamenti per la realizzazione completa della sua emancipazione e della sua autonomia. Per questo non permetteremo che questo settore finisca in mani sbagliate buone soltanto ad arraffare e indifferenti alle sorti della Valle d’Aosta. Conclusioni A conclusione del lavoro svolto la Commissione ritiene di evidenziare quanto segue: La Direzione di C.V.A. si è affidata, per la fornitura di materiale per il rifacimento di diverse centrali idroelettriche, ad una società esterna (WGP), sconosciuta e inesperta nel settore, costituitasi soltanto nell’agosto 2008, che a sua volta rappresentava un’azienda (CWTW), altrettanto sconosciuta, che non aveva mai fornito questo genere di materiale in Europa. La Dirigenza di CVA operava inoltre con affidi diretti anche per cifre importanti, per un totale di circa sessanta milioni di euro. Non risulta chiaro il motivo per cui non si sia trattato direttamente con l’azienda che produce tale materiale idroelettrico, soprattutto successivamente all’emanazione del decreto del Ministro delle Politiche europee del 5 agosto 2010, considerato che i “sondaggi” volti all’individuazione di un fornitore in Cina in grado di soddisfare le esigenze aziendali furono condotti da personale dipendente da C.V.A., personale che continuò a seguire tutte le fasi di lavorazione in Cina, anche dopo la scelta di utilizzare un intermediatore, data l’inadeguatezza della WGP sotto l’aspetto tecnico. La dirigenza di CVA ha deciso di espletare un numero limitatissimo di prove di rendimento certificate sul materiale acquistato in Cina per il rifacimento delle centrali idroelettriche, pur nella consapevolezza dell’inesperienza di WGP. In particolare, sulla fornitura di 39 giranti sono state eseguite solamente 3 prove certificate di rendimento. Tale mancanza risulta ancora più grave se si considera quanto disposto con i contratti di fornitura del materiale, che, nel caso specifico della fornitura delle giranti, prevede l’effettuazione di prove di rendimento certificate entro 12 mesi dalla messa in esercizio delle stesse. Alla Commissione risulta inspiegabile un simile comportamento da parte della dirigenza di un’azienda partecipata che in quanto tale dovrebbe tutelare gli interessi del proprio datore di lavoro (della comunità valdostana/della Regione), ponendo in essere tutte le azioni necessarie a garantire l’acquisto di materiale performante, anche e soprattutto alla luce di un notevole investimento di risorse economiche. Dalla consultazione della documentazione in possesso della Commissione è inoltre emerso che nei contratti per l’acquisto di materiale dalla WGP e quindi dalla CWTW venivano richiesti rendimenti più bassi rispetto a quanto venisse richiesto nei contratti di fornitura stipulati in anni precedenti. Tale indicazione contrattuale appare in netto contrasto con quanto sostenuto da sempre dalla dirigenza di CVA in merito ad una continua e puntuale ricerca di performance migliori rispetto al passato per le centrali idroelettriche valdostane. La Commissione si è domandata se la richiesta di rendimenti inferiori nei contratti di fornitura di giranti dalla WGP e quindi dalla CWTW non sia in correlazione con la consapevolezza che il materiale cinese non fosse in grado, per le carenze di tipo tecnologico sopra richiamate, di raggiungere certe prestazioni. La Commissione ritiene di poter individuare, alla luce degli approfondimenti posti in essere, una responsabilità riconducibile alla dirigenza di CVA S.p.A. (con particolare riferimento al Direttore della Gestione degli impianti), ma comunque con l’accordo di tutta la dirigenza tecnica e legale, relativamente alle anomalie riscontrate sia in merito alle modalità con le quali si è proceduto all’acquisto di turbine e altro materiale proveniente dalla Cina, sia in relazione alla qualità delle forniture aggiudicate e sia in relazione alla modifica o al cambio delle normali procedure di approvvigionamento attuate prima dell’avvento di WGP. La Commissione, nella consapevolezza dei poteri alla stessa attribuiti, fa rilevare che la complessità delle operazioni effettuate nella triangolazione CVA-WGP-CWTW richiederebbe competenze specifiche in materia tecnica, economica, giuridica, doganale e fiscale, che esulano dal ruolo dei commissari e ritiene che ulteriori approfondimenti possano essere compiutamente svolti soltanto da esperti a servizio degli organi preposti ai controlli. La Commissione tiene a precisare che quanto sopra rappresentato sia da ricondursi esclusivamente ad una parte della dirigenza di C.V.A. e non all’azienda in quanto tale: i Commissari desiderano infatti esprimere il proprio apprezzamento nei confronti di tutto il personale tecnico e amministrativo che opera all’interno dell’Azienda. Fiorenzo Corradin